Finanziaria, Miccichè: " Accordo Stato- Regione ricattatorio, una pistola puntata alla tempia"| VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'indignazione del presidente

Finanziaria, Miccichè: “Accordo Stato-Regione ricattatorio, una pistola puntata alla tempia” | VIDEO

di
24 Febbraio 2021

GUARDA IL VIDEO

La manovra finanziaria regionale non verrà approvata il 28 febbraio, così come invece prevedono i dettami dell’Accordo tra Stato e Regione Siciliana per interventi strategici.

Ne è certo l’onorevole Gianfranco Miccichè, presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, manifestando il suo disappunto rispetto al patto in questione durante l’inaugurazione del primo Centro vaccinale realizzato all’interno del padiglione 20 della Fiera del Mediterraneo di Palermo.

“Ho parlato l’altro giorno con il Ministro Brunetta relativamente a questo tipo di situazione che abbiamo, di concerto con  lui, anche con il Ministro Gelmini e con il Ministro Carfagna, che sono i due ministeri con cui dobbiamo ragionare sull’argomento finanziario”, afferma Miccichè.

Non c’è dubbio -prosegue Miccichè- che è stato fatto un Accordo Stato-Regione veramente ricattatorio, con la pistola puntata alla tempia. Per cui il governo regionale è stato costretto a firmare un accordo che non va bene, che va rivisto assolutamente”.

“Tra le altre follie, in questo accordo è stato previsto che dobbiamo approvare la finanziaria entro il 28 febbraio. Ma chi l’ha detto mai? La storia ci insegna che deve essere fatto entro maggio”

“Per cui oggi non si capisce, improvvisamente, questa ulteriore cattiveria nei nostri confronti per cui la finanziaria deve essere fatta entro il 28 febbraio. Comunico formalmente che non ci arriveremo”.

E riferendosi ai deputati grillini di Palazzo dei Normanni, secondo i quali la ‘Legge di Bilancio’ andrebbe riscritta in attesa del rendiconto del 2019,  il presidente dell’Ars di“I Cinque stelle dovrebbero dirlo ai loro capi romani, perché hanno fatto loro questa imposizione. Si tratta di un’imposizione assurda, pazzesca senza alcuna logica”

“Ci sono due cose in questo accordo Stato-Regione che certamente non posso funzionare, e cioè per l’appunto l’approvazione entro il 28 febbraio, e vediamo che sanzioni ci faranno. Secondo fatto fondamentale, non è possibile non assumere, perché la Regione non ha più dipendenti, non ha più funzionari, strutture con un’età media di 59 anni che non potranno funzionare mai”, così conclude Miccichè.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin