22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.12

Il cammino della finanziaria all'Ars

Finanziaria regionale, strada in salita: ritirati i tagli alla scuola col Pd tra opposizione e desistenza

19 Aprile 2018

Strada in salita per la legge di stabilità regionale in commissione Bilancio all’Ars. La commissione ha dovuto infatti sospendere i lavori, poi ripresi, convocando l’ufficio di presidenza dopo che l’assessore all’Economia Gaetano Armao aveva chiesto la reintroduzione nel testo di alcune norme che erano state stralciate proprio dalla commissione, come quella sulla creazione del ‘superIrfis’ con la fusione di Crias e Ircac, perché ritenute ordinamentali e quindi da affrontare in appositi ddl ad hoc.

In sostanza, il governo ha provato a recuperare gli articoli 1 e 2 della legge finanziaria, quelli cioè sulla concentrazione degli enti finanziari (Irfis, Ircac e Crias) e quello sull’agenzia per la casa. L’esecutivo ha cominciato ieri sera alle 20 una riunione al fine di rivedere una possibile riscrittura, ma se ne riparlerà, con molta probabilità nella ripartenza dei lavori di commissione, prevista per stamani alle 10. Altra parte ‘calda’ della discussione quella relativa ai trasferimenti agli enti locali per i precari e le relative ipotesi di stabilizzazione.

Su proposta del Pd invece il governo ha ritirato i tagli alla scuola (due milioni di euro). E proprio i  Dem rischiano di essere la novità d’equilibrio chiamata a fare la differenza in questa legge di stabilità. Ieri il capogruppo Lupo aveva annunciato chiaramente una opposizione senza sconti, ma il lungo cammino tra commissione e aula potrebbe riservare più di un’apertura.

I democrat hanno riproposto tra gli emendamenti il rifinanziamento del contributo in conto interessi sui mutui affinché le coppie possano acquistare, ma anche ristrutturare alloggi nei centri storici. Per Anthony Barbagallo, l’intervento in questione: “è qualificante e di profilo sotto diversi punti di vista dal momento che consente alle giovani coppie siciliane di potere programmare con più tranquillità le scelte importanti da compiere in un momento complessivo così difficile”.

Gianfranco Miccichè ieri, intervenendo sulla finanziaria ha aggiunto, a tal proposito: “Se il governo regionale non discuterà con tutto il parlamento, la finanziaria avrà vita molto difficile. Quello che auspico e’ che l’esame della legge si faccia in un ambiente sereno, nel rispetto di tutti i gruppi parlamentari, ma  se inizierà una guerra feroce tra maggioranza e opposizione su  ogni singolo articolo è sicuro che verranno approvati centinaia  di emendamenti che distruggeranno la Finanziaria”.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.