Finaria dichiarata fallita, a rischio il bando per la cessione del Calcio Catania? | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

DE PROFUNDIS PER LA SOCIEtà FACENTE CAPO A NINO PULVIRENTI

Finaria dichiarata fallita, a rischio il bando per la cessione del Calcio Catania?

di
16 Luglio 2020

Il Tribunale di Catania ha scritto la parola fine sul destino di Finaria.

La holding, di proprietà di Nino Pulvirenti, è stata oggi dichiarata fallita dai giudici. L’ex presidente della società rossoblu aveva chiesto l’ammissione al concordato in bianco.

RIPERCUSSIONE SUL BANDO DEL CALCIO CATANIA?

Tutto ciò potrebbe avere ripercussioni anche sul bando per la cessione delle quote del Calcio Catania, visto che Finaria detiene il 95% delle azioni. A questo va aggiunto anche il caso che ha riguardato indirettamente Sigi, società ritenuta in prima fila per l’acquisto del club etneo. Ricordiamo infatti che la sede dell’azienda era la stessa di Confimed, agglomerato coinvolto nell’operazione Fake News, relativa a possibili reati tributari.

Non è detto che il club storico matricola 11700 possa continuare a sopravvivere. Si attendono sviluppi nella giornata odierna, ma la decisione della sezione fallimentare del Tribunale catanese chiude la porta definitamente a Finaria.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.