Fine settimana fitto di appuntamenti per il conservatorio "Alessandro Scarlatti" di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Nuovo appuntamento sabato 22 giugno

Fine settimana fitto di appuntamenti per il conservatorio “Alessandro Scarlatti” di Palermo

di
22 Giugno 2019

E’ iniziato venerdì 21 giugno, alle 21 col Festival Jazz nell’Atrio Platania dell’Istituto, una tre giorni concertistica a cura di Giuseppe Urso, coordinatore del Dipartimento Jazz.  Durante la prima serata si sono esibiti la Gaspare Palazzolo Band, il Giuseppe Urso Trio, lo Gnu Quartet e il Fabio Crescente Trio.

Oggi, sabato 22 alle 21, sarà la volta del Duo Paolo Sorge e Fabrizio Puglisi, del Francesco Guaiana Ensemble e di Jazz in The Pot. Si chiude domenica, sempre alle 21, con la Palermo Jazz Orchestra diretta da Giuseppe Vasapolli, la Vito Giordano Band e il Duo formato da Gaetano Riccobono e Giuseppe Vasapolli.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Sabato alle ore 16 in Sala Ferrara, per la campagna Acquista un tasto”, destinata a sostenere l’acquisizione del pianoforte gran coda Steinway, il presidente del Conservatorio Gandolfo Librizzi consegnerà un tasto simbolico al presidente del consiglio di zona Soci Coop Alleanza 3.0, Agostino D’Amato, che ha partecipato alla campagna comprando un tasto del nuovo piano.

Seguirà un Concerto di allievi delle classi di pianoforte del Conservatorio (nell’ordine, Elisa Comito, Alessandro Ammirata, Luciana Sacco, Pietro Scelsi, Alessio Esposito, studenti dei maestri Rosangela Mangiapane, Gennaro Pesce, Ranieri Schicchi, Donatella Sollima ed Enza Vernuccio) su musiche di Poulenc, Granados, Brahms, Chopin, Shostakovich, Skrjabin. L’iniziativa fa parte della Stagione di concerti di piano curata da Domenico Piccichè.

Ancora sabato 22, alle 21, all’Oratorio di Santa Cita si potrà ascoltare Lassen Sie mich (Lasciami), concerto di musiche da camera di Grieg, Brahms, Mendelsshon, Wolf, Duparc, Fauré, Tosti; al pianoforte Fabio Ciulla, soprano Filomena Schettino. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Ultimi due appuntamenti per la rassegna “ARCHITETTURE – musica e parole raccontano una città e i suoi monumenti”, a cura di Elena Ponzoni, che coinvolge i suoi studenti del corso di Musica Insieme Archi e i volontari dell’Associazione Amici dei musei siciliani.

Alla quinta edizione, l’iniziativa è un progetto del Conservatorio di Palermo, realizzato in collaborazione con gli Amici dei musei, l’Arcidiocesi di Palermo e Agorarte Associazione Culturale.

In cartellone, sabato 22 giugno alle ore 21 presso la Chiesa di Santa Maria del Piliere un raro programma dal titolo “Così vicino, così lontano, uno sguardo sul ‘900” dedicato interamente ad autori storici del XX secolo con partiture di Bartók, Webern e Šostakovič, di molto impegno per i giovani esecutori.

ARCHITETTURE si conclude domenica 23 giugno alle 18.30 all’Oratorio di San Mercurio con un piccolo tributo al contrabbasso, strumento ad arco spesso ingiustamente trascurato dai cartelloni di stagioni cameristiche anche importanti, con musica di Telemann, Dvořák e una sorpresa in tono con l’afa estiva che avanza. L’ingresso ai concerti è libero; si invita a lasciare un contributo destinato alla cura dei monumenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.