Fingevano incidenti per fregare le assicurazioni, 36 indagati a Catania :ilSicilia.it

Fingevano incidenti per fregare le assicurazioni, 36 indagati a Catania

21 Gennaio 2020

Ennesimo caso di truffa alle assicurazioni.

Sono 36 le persone indagate dalla Procura di Catania nell’ambito dell’inchiesta denominata “Crash fake” per aver costituito una associazione per delinquere finalizzata al fraudolento danneggiamento dei beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona e falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità. Quattro persone sono state arrestate.

I carabinieri della Sezione di polizia giudiziaria stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Catania, nei confronti di cinque persone, tra le quali tre donne, per reati contro il patrimonio e falsità in atti.

Gli indagati destinatari della misura cautelare sono stati sottoposti a indagini dal giugno 2017 al gennaio 2019.

Clicca qui per i NOMI DEGLI ARRESTATI

LEGGI ANCHE:

La truffa dei falsi incidenti a Catania, arrestati un medico e un avvocato | I NOMI

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona