Finisce il Ramadan, Orlando ai musulmani: "Forte il legame con Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

Il messaggio del sindaco

Finisce il Ramadan, Orlando ai musulmani: “Forte il legame con Palermo”

di
24 Maggio 2020

Con la celebrazione di eid-al-fitr termina oggi il mese sacro del Ramadan. È un momento importante per tutta la comunità dei fedeli musulmani e quindi anche per la ricca e vitale comunità islamica di Palermo“. Con queste parole il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha voluto celebrare la fine del digiuno per i fedeli dell’Islam. La comunità musulmana palermitana si è riunita stamattina, come di consueto per la fine del Ramadan, oltre che nelle moschee anche al Foro Italico dove era stata predisposta l’accoglienza dei fedeli e lo svolgimento della preghiera secondo le prescrizioni di sicurezza legate alla prevenzione del contagio.

E’ come sempre un momento insieme di festa, riflessione e comunione  – ha detto Orlandoanche se le misure di prevenzione del contagio hanno impedito a molti di noi di essere presenti. Ai tanti palermitani di fede musulmana rivolgo un sentito ringraziamento per aver confermato, anche in questo ultimo mese che è coinciso con il difficile periodo dell’emergenza, il loro forte legame con la città e la comunità tutta, il loro amore per Palermo; segno ancora una volta di quanto ogni singola tessera sia un componente essenziale del mosaico di Palermo e di come la nostra realtà sia unità perché riconosce tutti e ciascuno come suoi cittadini“.

 

© Riproduzione Riservata
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.