Fino a 2500 posti letto in più, il piano della Regione per l'emergenza coronavirus :ilSicilia.it
Palermo

20% DESTINATO A TERAPIE INTENSIVE

Fino a 2500 posti letto in più, il piano della Regione per l’emergenza coronavirus

di
19 Ottobre 2020

Per non farsi trovare impreparata di fronte a un’eventuale escalation del virus e tenendo a riferimento il rapporto tra contagiati asintomatici e quelli ospedalizzati (pari all’8,3%), la Regione siciliana è al lavoro su un piano che prevede di allestire fino a 2.500 posti letto negli ospedali per i malati di Covid.

Anche se al momento i ricoverati sono 563, l’assessore alla Salute Ruggero Razza, assieme al comitato scientifico e agli esperti sta implementando, quello che il governo ha da sempre definito il piano “a fisarmonica”, che consente di agire in modo tempestivo nei vari territori, anticipando il virus. Rispetto alla prima ondata nessun ospedale, a differenza di altre regioni d’Italia, è dedicato solo al Covid, anzi.

La scelta del governo Musumeci è stata proprio quella di garantire i pazienti affetti da altre patologie e che hanno bisogno di cure. Dei 2.500 posti letto ‘anti-Covid’, il 20 per cento è destinato alla terapia intensiva e sub-intensiva: in questo momento in Sicilia i ricoverati occupano 70 posti letto nelle intensive.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin