Finto pacco bomba alla ex: arrestato a Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

dopo la loro separazione

Finto pacco bomba alla ex: arrestato a Siracusa

di
15 Luglio 2020

Gli agenti di polizia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 41enne siracusano che, il 5 luglio scorso, avrebbe sistemato un finto pacco bomba dietro la porta di ingresso di una palazzina in via Algeri, nella zona nord di Siracusa, dove vive l’ex convivente.

L’uomo, accusato di minacce e atti persecutori nei confronti della donna e dei parenti della vittima, è stato trasferito in carcere, nel penitenziario di Ragusa.

Il finto pacco bomba era chiuso in una scatola di scarpe, dal quale fuoriusciva un cavo elettrico e per ragioni di sicurezza furono fatti evacuare tutti i residenti dello stabile. Il nucleo artificieri della questura di Catania fece poi brillare quel contenitore scoprendo che dentro c’era una batteria di una motocicletta. Per gli inquirenti, si tratterebbe di un gesto di intimidazione verso la donna dopo la loro separazione.

Secondo la ricostruzione della polizia, l’uomo avrebbe messo da tempo sotto pressione l’ex compagna per ingenerare “timore per l’incolumità propria, e un grave stato d’ansia costringendo” lei e i familiari a modificare le abitudini di vita. Avrebbe inviato “innumerevoli messaggi a contenuto aggressivo; depositato sul parabrezza dell’autovettura in uso all’ex convivente una bottiglia contenente liquido infiammabile; collocato davanti la porta dell’abitazione della donna una scatola di scarpe, a simulazione di un pacco esplosivo; e infine si sarebbe appostato davanti il luogo di lavoro della donna, minacciando e inseguendo lei e i parenti”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.