"Firme false", dopo le bordate di Beppe Grillo, Nuti si autosospende dal gruppo parlamentare | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo

Il leader 5 stelle aveva chiesto il pugno di ferro verso gli indagati

“Firme false”, dopo le bordate di Beppe Grillo, Nuti si autosospende dal gruppo parlamentare

di
17 Aprile 2017

“Mi autosospendo dal gruppo parlamentare 5stelle fino al termine della mia sospensione dal movimento. Basta alle tante mistificazioni volte a farmi fuori e a colpire il movimento. Adesso non c’è più nulla da strumentalizzare. Con la mia scelta, i colleghi portavoce del gruppo M5s non avranno l’imbarazzo di doversi esprimere nei miei confronti in inutili riunioni, distanti dall’obiettivo: la rivoluzione culturale del Paese”.

Lo dice, in una nota, Riccardo Nuti, ex capogruppo alla Camera dei 5Stelle, per cui la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per falso nell’ambito dell’inchiesta sulle firme false.

“Ho compreso il giochino politico di partiti e avversari, per cui non voglio alimentarlo in alcun modo. – aggiunge – Credo nel progetto che portiamo avanti da 10 anni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin