Fisco, no a multe se la dichiarazione manca per gravi motivi di salute :ilSicilia.it

accolto il ricorso di un cittadino

Fisco, no a multe se la dichiarazione manca per gravi motivi di salute

di
28 Ottobre 2020

I gravi motivi di salute “consentono di escludere ogni ipotesi di dolo o colpa grave a carico del contribuente“. Le sanzioni irrogate dall’Agenzia delle Entrate nell’avviso d’accertamento, quindi, non sono dovute. Ad affermarlo, come riporta l’agenzia Dire, è una recente sentenza della Commissione tributaria regionale della Sicilia chiamata a decidere del ricorso in appello di un cittadino, difeso dall’avvocato tributarista palermitano Alessandro Dagnino.

Le questioni sottoposte ai giudici riguardavano un avviso d’accertamento del 2011. Con l’atto l’Agenzia delle Entrate ha contestato al contribuente di non avere dichiarato il guadagno di circa 30 mila euro ottenuto dalla vendita di un terreno edificabile. L’Erario ha chiesto così al cittadino di pagare le imposte non versate, gli interessi e le sanzioni. Per gli uffici tributari, infatti, la grave malattia del cittadino non poteva essere considerata una causa di forza maggiore così da scusare il mancato assolvimento dell’obbligo fiscale. Una soluzione che però non è stata accolta dal giudice tributario “che ha invece apprezzato come la mancata dichiarazione – spiega una nota dello studio legale Dagnino – non fosse il risultato di una precisa volonta’ di eludere il fisco“.

Nella pronuncia del collegio, composto dai giudici Fabrizio Amalfi, Giuseppe Lo Torto e Settimo Puccio, emerge poi un secondo principio. Secondo i magistrati, infatti, nel calcolo della plusvalenza, ovvero il maggiore guadagno che si ottiene dalla vendita di un bene, va sottratto il valore degli interessi che si sono pagati per “accollo” del mutuo. Può accadere infatti che in un accordo di compravendita di un immobile chi compra, a fronte dell’esborso di un prezzo minore, decida di caricare su di se’ il mutuo acceso dal venditore per il pagamento di quell’edificio o terreno. Al compratore toccherà dunque pagare le rate del debito rimanenti e i relativi interessi. Quest’ultimi pertanto dovranno essere considerati come una parte del prezzo senonche’ per l’Agenzia delle Entrate questa voce di costo non causava un minore guadagno dell’operazione immobiliare. Dello stesso avviso non e’ stata, pero’, la Commissione tributaria che sul punto ha stabilito: “La quota relativa agli interessi costituisce parte del prezzo di acquisto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin