Fissata la data per le regionali, si vota il 5 novembre | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

l'isola alle urne

Fissata la data per le regionali, si vota il 5 novembre

7 Aprile 2017

Si vota il 5 novembre. La data delle Elezioni Regionali in Sicilia è stata annunciata oggi dal governatore Rosario Crocetta.

La votazione sarà a turno unico. Infatti, verrà eletto presidente della Regione Siciliana il candidato che otterrà più voti fra quanti si sono presentati.

Per adesso i nomi dei principali papabili candidati alla presidenza della Regione sono quelli dello stesso Crocetta (che ha affermato di volersi ripresentare), di Antonello Cracolici (il quale si è dichiarato pronto a correre per le primarie del centrosinistra), di Giancarlo Cancelleri (dato per tutti come probabile candidato del Movimento 5 Stelle, anche se il nome uscirà dalle “regionarie” interne), di Roberto Lagalla (che corre da solo ma che punta ad ottenere il consenso del centrodestra), del leader di “Diventerà bellissima” Nello Musumeci (che avrebbe voluto le primarie del centrodestra, ormai tramontate, ma che potrebbe decidere di candidarsi comunque). C’è poi il nome di Giovanni La Via, che aleggia nell’aria. Una sua candidatura pare sia gradita anche ad alcuni “big” dell’area berlusconiana.

Dal cappello magico dei partiti, comunque, potrebbero presto uscire altri nomi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.