Fissata udienza preliminare per Pino Maniaci. Dodici gli indagati davanti al Gup | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il giornalista era stato arrestato nell'operazione "Kelevra"

Fissata udienza preliminare per Pino Maniaci. Dodici gli indagati davanti al Gup

di
16 Dicembre 2016

Il prossimo 19 gennaio, alle ore 9,30 presso il Nuovo Palazzo di Giustizia in piazza Pagano, il Giudice per le indagini preliminari ha fissato l’udienza preliminare nei confronti del giornalista di Telejato Pino Maniaci, secondo l’accusa scoperto in seguito ad intercettazioni a chiedere somme di denaro al sindaco Gioacchino De Luca e all’ex assessore Gioacchino Polizzi in cambio di una linea soft nel suo telegiornale.

Le pressioni vennero fatte anche al sindaco di Partinico Lo Biundo; Maniaci li avrebbe attaccati sulla sua emittente qualora non avrebbero corrisposto delle somme in denaro da lui chieste.

A comparire davanti al Gup saranno i 12 indagati nell’ambito dell’indagine Kelevra che fece scattare gli arresti per alcuni esponenti a vario titolo della mafia di Borgetto e l’allontanamento dalle province di Trapani e Palermo per Maniaci; le intercettazioni avevano mostrato un giro di estorsioni ad operatori economici locali e condizionamenti di tipo mafioso al Comune.

Per gli altri imputati, tra Borgetto e Partinico, il pm Luise ha richiesto il rinvio a giudizio; si tratta di Antonio e Nicolò Salto, Giuseppe e Francesco Giambrone, e Antonino Frisina. Per loro pende l’accusa di aver ‘partecipato’ ad associazione mafiosa; ai cinque si aggiungono Tommaso, David e Antonino Giambrone, Francesco e Salvatore Petruso e Salvatore Brugnano. Nicolò Salto e Giuseppe Giambrone sono adesso detenuti mentre Antonio Salto risulta essere latitante.

I mafiosi sono accusati di avere chiesto il pizzo ad alcuni commercianti della zona; tra i Salto e i Giambrone sarebbe intervenuto un patto di ferro per spremere soldi alle attività commerciali della zona.

A vario titolo sono accusati di estorsione, danneggiamenti e favoreggiamento. Ad essere stati documentati episodi estorsivi ai danni di imprenditori e non solo, tra cui per l’appunto a Brugnano il quale però ha negato di avere mai versato alcuna somma di denaro e quindi di essere stato vittima del racket. Sono stati ricostruiti anche incendi dolosi ad una stalla e ad auto, e ancora intestazioni fittizie di beni per tentare di evitare sequestri patrimoniali.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin