Fiumefreddo, un arbusto sui binari e la circolazione dei treni va in tilt. La denuncia dei pendolari :ilSicilia.it
Catania

Ieri sulla Siracusa-Catania-Messina

Fiumefreddo, un arbusto sui binari e la circolazione dei treni va in tilt. La denuncia dei pendolari

di
9 Giugno 2018

CATANIA – Binari sfortunati quelli di Fiumefreddo di Sicilia. “Quasi un mese fa – spiega Giosuè Malaponti, Presidente Comitato Pendolari Siciliani Ciuferun inconveniente al deviatoio del doppio binario procurato da un mezzo ferroviario durante dei lavori notturni, ha paralizzato la circolazione ferroviaria per buona parte della giornata facendo transitare i treni su un solo binario con enormi ritardi e disagi per l’utenza. Ieri la caduta di un arbusto sui binari subito dopo il fatidico deviatoio in contrada Lavina ha procurato diverse ore di ritardo ai treni della Siracusa-Catania-Messina e viceversa”.

Il treno regionale 12876 in partenza da Catania alle ore 13.23, giunto alla fine del doppio binario, in contrada Lavina, all’ingresso della stazione di Fiumefreddo di Sicilia si è dovuto arrestare per degli arbusti caduti sui binari ed erano le ore 14.10 circa.

Sono intervenute le squadre di soccorso per liberare i binari e alle 16.00 circa dopo circa due ore è ripresa la circolazione ferroviaria.

Giosuè Malaponti
Giosuè Malaponti

“Le interruzioni alla circolazione ferroviaria per problemi all’infrastruttura o per fatti esterni e/o ambientali ci possano stare, quello che invece e in special modo in questa occasione vogliamo suggerire, in occasione anche dell’approssimarsi dell’estate, al gestore dell’infrastruttura Rete Ferroviaria Italiana di controllare maggiormente il sedime ferroviario per evitare che rovi, arbusti possano creare problemi alla circolazione essendo all’interno della recinzione dello stesso. Abbiamo in questi anni chiesto più volte di mantenere e/o curare maggiormente il sedime ferroviario ricadente all’interno dei territori attraversati dalla linea ferrata”, dice Malaponti.

Questi i ritardi al momento della riapertura della linea:

  • Messina-Catania-Siracusa:

Treno regionale veloce 3855 delle ore 13.18 Soppresso da Taormina a Siracusa

Treno regionale 12831 delle ore 13.35 viaggia con 106 rilevato a Guardia Mangano

Treno regionale 26637 delle ore 14.14 da Taormina arrivato a Catania con 76 minuti

Treno regionale 12875 delle ore 14.15 cancellato da Taormina a Catania

Treno regionale 12877 delle ore 14.35 cancellato da Messina a Catania

  • Siracusa-Catania-Messina:

Treno regionale 12876 delle ore 13.23 viaggia con 148 rilevato a Letojanni

Treno regionale veloce 3856 delle ore 12.53 viaggia con 110 rilevato a Nizza di Sicilia

Treno regionale 12880 delle ore 14.16 cancellato da Acireale a Taormina

Treno regionale veloce 3858 delle ore 14.15 viaggia con 63 rilevato a Fiumefreddo

Treno regionale 12830 delle ore 15.37 cancellato da Catania a Messina

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin