Flash mob di ristoratori e Partite Iva davanti la casa di Montalbano | FOTO :ilSicilia.it
Ragusa

licenze gettate in una bara

Flash mob di ristoratori e Partite Iva davanti la casa di Montalbano | FOTO

di
23 Aprile 2021

GUARDA LA GALLERIA IN ALTO

Hanno portato in piazza le loro attività, quelle di tutti coloro che, a causa della pandemia, sono stati costretti a chiudere i battenti. A Punta Secca, nei luoghi simbolo della fiction di Montalbano, i ristoratori di Co.Ri.Sicilia hanno organizzato un flash mob, che si è svolto nello spazio tra Piazza Faro e piazza Torre. Nelle varie location improvvisate sono state allestite le postazioni dei pizzaioli, con le loro pizze, dei pasticcieri, delle rosticcerie, di ristoranti, pub e bar.

Hanno aderito anche numerosi operatori di altre categorie che soffrono a causa della pandemia: le agenzie di viaggio, gli operatori turistici, gli albergatori, i titolari di B&B, di camping, le palestre, i fiorai, i parrucchieri, i tassisti ed NCC, gli operatori dell’intrattenimento e dell’animazione, le agenzie e gli operatori del wedding, le guide turistiche, le imprese di pulizia, le lavanderie industriali.

Qualcuno ha portato i letti, altri le tende da campeggio, o hanno esposto un manichino con abito da sposa, un tavolo apparecchiato. La compagnia teatrale G.o.d.o.t., che ha aderito all’iniziativa, ha mostrato le sedie rivolte verso terra, simbolo dei teatri chiusi. Tutti hanno gettato simbolicamente le loro “licenze” in una bara allestita in piazza Faro. Subito dopo, un corteo con la bara portata a spalla dai ristoratori, si è mosso verso la “casa di Montalbano”, seguita da tutti i presenti.

Dal balcone della casa hanno portato la voce della protesta il presidente di Co.Ri.Sicilia, Raffaele Fiaccavento, Tania Corallo, il sindaco di Santa Croce Camerina, Giovanni Barone, i parlamentari regionali Nello Dipasquale, Stefania Campo e Orazio Ragusa. I ristoratori hanno chiesto ai parlamentari di farsi carico delle istanze della categoria. Poi hanno parlato i rappresentanti delle altre categorie produttive.

L’apertura del 26 aprile, con la possibilità di fare ristorazione solo all’aperto non risolve il problema – ha detto Fiaccavento –. Nessuno potrà aprire. In questa stagione, è impossibile prevedere la possibilità di pranzi e cene all’aperto. L’ultimo decreto prevede la possibilità di prevedere della ristorazione al chiuso solo dal primo giugno, solo a pranzo. Sono modalità più restrittive rispetto allo scorso anno quando ci è stato permesso di riaprire il 18 maggio. Oggi, mentre con i vaccini si va verso la ripresa, viene confermato persino il coprifuoco a partire dalle 22. In questo modo stanno facendo morire migliaia di imprese. Vogliamo riavere la dignità del nostro lavoro!“.

La chiusura anticipata alle 22 è considerata un grave vulnus per tutte le categorie del turismo: anche le agenzie di viaggi, i B&B, i camping vedono crollare o annullare le prenotazioni. Inoltre, i ristoratori chiedono anche di prolungare la moratoria sui mutui.

Un popolo che non aiuta e non favorisce il suo teatro se non è morto, è moribondo“, ha detto Federica Bisegna, della compagnia G.o.d.o.t. citando Federico Garcia Lorca. Ed ha aggiunto: “Il teatro è programmazione. Un produttore che deve affrontare dei costi deve avere delle certezze. Queste false aperture non risolvono i problemi“.

A conclusione della manifestazione i ristoratori hanno chiesto ed ottenuto un incontro con la capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati, Debora Serracchiani.

Ai nostri parlamentari – ha aggiunto Fiaccavento – chiediamo di portare le nostre richieste al governo, nel Parlamento. Speriamo di poter avere degli incontri anche con gli esponenti degli altri partiti e che si riescano a trovare delle soluzioni che consentano alle nostre categorie di ripartire in sicurezza. Al governo regionale chiediamo di aiutare il settore. Ci saremmo attesi un intervento in Finanziaria, ma così non è stato. Abbiamo saputo che è stato presentato un ordine del giorno che potrebbe stanziare 250.000 milioni per gli aiuti alle imprese. Chiediamo di poter essere presenti ai tavoli tecnici a Palermo per portare la voce della categoria. Non ci sentiamo rappresentati dalle organizzazioni di categoria. Nei livelli istituzionali Co.Ri.Sicilia vuole essere presente in modo autonomo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.