19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

I cittadini chiedono spiegazioni

Flash mob per l’albero abbattuto al Foro Italico: “Oggi celebriamo il suo funerale” [Video servizio]

12 Marzo 2018

 

Un flash mob spontaneo, organizzato dalle associazioni, per richiamare l’attenzione sull’azione commessa dall’Amministrazione comunale, che il 9 marzo, ha deciso di abbattere il Ficus Elastica al Foro Italico di Palermo. Un atto che non è passato inosservato agli occhi di tantissimi palermitani e di diverse associazioni che hanno organizzato la manifestazione a seguito di una vasta mobilitazione sui social.

L’azione del Comune si è conclusa lunedì mattina quando gli operai hanno tolto ogni traccia dell’albero, azione, anche questa, non gradita da molti cittadini che hanno a cuore il ”verde” di questa città e che hanno denunciato il tempismo con cui sono stati rimossi i resti mutilati del ficus.                                        

elvira-dragonia-vernengo

Elvira Dragonia Vernengo, Laboratorio regione e ambiente IDV e tutela degli animali, ha affermato: ”Nessun tentativo da parte dell’Amministrazione di preservarlo con gli opportuni e certamente possibili accorgimenti tecnici e quindi salvarlo. Soltanto una gran fretta nell’eliminarlo di cui non si comprende la ‘ragione’”, ha concluso una delle organizzatrici del flash mob.

fabio-alfano-comitato-bene-collettivo

Facendo riferimento alla diffida presentata dalle associazioni per l’abbattimento degli altri alberi, Fabio Alfano del Comitato bene collettivo dice: ”Si fa presente che è necessario organizzare un fronte comune contro la previsione di questa amministrazione di volere abbattere altri alberi per ragioni di ‘sicurezza’ ”.

GUARDA IL VIDEO SERVIZIO IN ALTO.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.