Flebo di finanziamenti agli aeroporti di Trapani e Comiso. Allo scalo trapanese 4 mln di euro | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Ragusa

Il finanziamento è stato votato dall'Ars

Flebo di finanziamenti agli aeroporti di Trapani e Comiso. Allo scalo trapanese 4 mln di euro

di
30 Novembre 2016

Boccata d’ossigeno per gli aeroporti di Trapani e Comiso. Al termine di un tira e molla snervante l’Ars ha approvato il finanziamento ai due scali siciliani. E’ in un rivolo della manovra di assestamento di bilancio che spiccano i fondi destinati dall’aula: cinque milioni e mezzo di euro. Buona parte di questi però (4 milioni) finirà all’aeroporto di Trapani. L’obbiettivo è quello di “favorire l’incremento delle presenze turistiche” e giungeranno ai comuni del territorio attraverso  l’assessorato al Turismo.

 

1465036879-0-aeroporto-di-comiso-un-grande-potenziale-ancora-inespresso«Ho apprezzato l’intervento dell’assessore Baccei in aula, che ha anche annunciato l’intento del Governo Regionale di incrementare i flussi turistici provenienti dall’estero e il numero dei passeggeri in ciascuno scalo – commenta il deputato Girolamo Fazio -. L’approvazione dell’articolo 16 è il risultato di un confronto serrato tra le parti politiche, all’interno delle commissioni parlamentari e in aula, che hanno riconosciuto le ragioni di un intero territorio. Grazie alla sinergia di gran parte della deputazione trapanese, che ha fatto pressing sul Governo Regionale, si è ottenuto un risultato straordinario a beneficio di tutto il territorio dando certezza agli operatori economici che potranno continuare a investire». «Mi pare importante – continua Fazio – che lo stesso articolo assegni un ruolo ai Comuni, sulla scorta dell’esperienza trapanese. Auspico che questo provvedimento rappresenti non un punto d’arrivo ma un punto di partenza della politica regionale a sostegno dei cosiddetti aeroporti minori. Scali secondari ma non meno strategici degli scali principali, almeno per il turismo»

 

“E un ulteriore passo importante – spiega l’assessore al Turismo, Anthony Barbagallo – del processo di sviluppo strategico che abbiamo innescato e messo in atto, fin dal mio insediamento, per incrementare le presenze turistiche della Sicilia e che interesserà nello specifico quegli ambiti territoriali afferenti gli aeroporti di Trapani-Birgi e Comiso, che hanno delle potenzialità che vogliamo valorizzare. I dati della presenze, registrati in questi aeroporti, sono in continua crescita e l’obiettivo è quello di aumentare ancora di più gli arrivi di turisti stranieri con attività di promozione ed interventi mirati”. “Puntiamo ad intercettare – conclude Barbagallo – maggiori flussi puntando anche sulla politica concorrenziale dei prezzi bassi dei biglietti per queste tratte per far conoscere territori che hanno un patrimonio artistico, culturale,storico, naturalistico ed enogastronomico straordinario”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin