18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.48
Palermo

Lo spettacolo il 15 e il 16 maggio

Flexing Hearth, al Teatro Biondo si riflette sul corpo flessibile con Giovanna Velardi

10 Maggio 2019

Flexing Heart è uno spettacolo che vede in scena un musicista e cinque danzatrici e che nasce dalla ricerca di Giovanna Velardi e dalla sua riflessione sul centro del corpo, dall’idea del centro del corpo attivo, stabile, energetico ma anche flessibile. Flexing Heart, che verrà proposto in due repliche al Teatro Biondo – mercoledì 15 maggio e giovedì 16 a partire sempre dalle 21 – affronta la polarità tra omologazione e diversità.

Quest’ultima spesso considerata follia, marginalità ad un sistema, qui diventa portatrice di energia che contagia, che incarna la vitalità di un bambino. Dei nasi smisurati a ricordarci che è tutta una menzogna, caratterizzano i personaggi e ne amplificano le intenzioni, ma soprattutto mettono in luce questa polarità: quanto spesso diamo del folle a qualcuno che è fuori dagli schemi solo per sentirci parte di un ambito sociale ed esser accettati.

Dare voce all’energia vitale, non lasciarla soffocare, questo fa il nostro personaggio un po’ folle e un po’ bambino, con la sua potenza esplosiva. Esplosiva come la musica ideata e suonata live da Angelo Sicurella.

Il metodo nasce per ridare vita ad una zona del corpo poco usata nella danza, legata agli organi vitali e al centro anatomico. E’ la zona del corpo di congiunzione delle parti liquide e gassose, che articola la respirazione toracica e pelvica. E’ situata nella zona della colonna vertebrale, dove passano legamenti profondi che dagli organi si diramano verso le zone muscolari e scheletriche. Dal cuore articolare passa l’asse del corpo, si rapportano le periferie del corpo e dello spazio, si lascia la tensione del corpo e si recupera l’energia vitale.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.