Focus mobilità alle Giornate dell'economia, Catania: "600 mila euro per una nuova pista ciclabile" :ilSicilia.it
Palermo

La dichiarazione dell'assesore

Focus mobilità alle Giornate dell’economia, Catania: “600 mila euro per una nuova pista ciclabile”

di
28 Novembre 2019

A Palazzo Forcella De Seta, al foro italico, uomini delle istituzioni ed esperti del settore confrontarsi sul tema dei trasporti, da quello pubblico cittadino a quello aeroportuale fino a quello marittimo, nel corso delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno.

Dalla città della mobilità individuale fatta di cemento e petrolio, da qualche anno, stiamo pensando alla città della mobilità collettiva, stiamo programmando piano piano la città del 2030. Oltre alle tre linee di tram che connettono già le periferie al centro, si stanno acquisendo tutti i pareri degli uffici sul progetto definitivo, affinché ci sia la preventiva approvazione del Consiglio superiore dei lavori pubblici per le altre tre linee di tram stazione-stadio, Notarbartolo-Libertà e viale Regione Siciliana-Università-stazione che a metà del prossimo anno andranno in gara“. Lo ha detto l’assessore alla Mobilita’ del Comune di Palermo, Giusto Catania, che ha partecipato, nella sede di Ance Palermo, al focus sulla ‘Mobilità nella Sicilia del 2030’, nell’ambito della XII edizione delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno.

Sul fronte delle piste ciclabili – ha aggiunto Catania – è vero che sono inadeguate e che siamo ancora indietro, ma intanto la nostra pianificazione sulla mobilita’ dolce e’ stata premiata a ‘Ecomondo’ di Rimini e adesso si tratta di realizzarla. Nei prossimi giorni Palermo avra’ un cofinanziamento di 600mila euro dal ministero dell’Ambiente che si aggiungono ai circa 750mila che metteranno Comune e Amat per realizzare una pista ciclabile bidirezionale di 4 chilometri che attraversera’ le vie Villafranca, Mattarella, Leopardi, Piemonte, Campania, Ausonia per arrivare in viale Strasburgo. Si perderanno centinaia di parcheggi per le auto, ma avremo una pista ciclabile degna di questo nome che fara’ aumentare la percentuale degli spostamenti in bici casa-lavoro che oggi sono fermi all’1,5%“.

Al convegno ha preso parte anche il vicesindaco di Palermo Fabio Giambrone, che ha sottolineato l’importanza di

Fabio Giambrone

una visione integrata dell’economia del Sud Italia: “Voglio ringraziare il Diste consultino e il professore Busetta che da 12 anni organizzano questo appuntamento importante – Fabio Giambrone – un momento di riflessione sulla situazione non soltanto siciliana ma di tutto il Mezzogiorno d’Italia, che certamente merita attenzione. L’Amministrazione comunale, dopo aver messo in sicurezza le sue aziende, sta mettendo in sicurezza il processo di cambiamento che la città ha fatto in questi anni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.