Follia a Catania: madre tenta di uccidere il figlio tetraplegico, arrestata  :ilSicilia.it
Catania

Lo imbottisce di sedativo e tenta di soffocarlo con carta in bocca

Follia a Catania: madre tenta di uccidere il figlio tetraplegico, arrestata 

di
13 Dicembre 2019

Una 54nne ha tentato di uccidere il figlio di 20 anni, affetto da tetraparesi spastica e ritardo mentale, facendogli ingerire tutto il contenuto di un flacone di gocce di un sedativo e tentando di soffocarlo riempiendogli la bocca con della carta assorbente inzuppata di profumo.

A sventare il piano la badante del giovane.

La donna è stata arrestata per tentativo di omicidio dai carabinieri del comando provinciale di Catania e posta ai domiciliari dal Gip in una comunità terapeutica assistita su richiesta della Procura.

Il tentativo di omicidio è stato commesso nei giorni scorsi, ma la notizia è stata resa nota oggi dopo la decisione del Gip. Resta indefinito al momento il movente del gesto, ma è escluso quello economico. La Procura distrettuale di Catania ritiene che la donna avrebbe agito “spinta da motivazioni che si annidano subdolamente nella mente di un essere umano”.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri il tentativo di omicidio sarebbe stato pianificato dalla donna che aveva allontanato da casa la sua anziana madre, che poi aveva fatto rientrare, ma chiudendola in una stanza a chiave. La 54enne ha poi fatto uscire la badante del 20enne che, insospettita dall’atteggiamento della donna, ha espresso le proprie preoccupazione ai carabinieri che hanno fatto irruzione nell’appartamento e trovato il giovane in preda a una grave crisi respiratoria. Il primo intervento di disostruzione del cavo orale gli ha consentito di respirare e poi gli è stato indotto il vomito per l’espulsione del farmaco. Soccorso da personale medico del 118 è stato poi stabilizzato prima di essere ricoverato in ospedale.

La madre del disabile non ha nascosto le proprie responsabilità ai militari, anzi ha confermato le ipotesi a suo carico ai carabinieri. È stata sottoposta a Trattamento sanitario obbligatorio e condotta in un nosocomio della provincia etnea. Successivamente l’amministratore di sostegno del giovane ha presentato denuncia nei confronti della donna, aggiungendo anche che aveva già attentato alla vita del disabile interrompendone l’alimentazione.

“La vicenda, pur in considerazione della sua gravità dal punto di vista giuridico – sottolinea la Procura distrettuale di Catania – assume particolare intensità emotiva in relazione al contesto in cui essa è maturata”.

Per questo invece del carcere, il pool di magistrati specializzato sui reati inerenti la violenza di genere ha chiesto e ottenuto dal Gip la misura cautelare degli arresti domiciliari in una Comunità terapeutica assistita, eseguita dai carabinieri del comando provinciale di Catania.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.