19 aprile 2018 - Ultimo aggiornamento alle 19.48
caronte manchette
caronte manchette
Siracusa

Aggressione davanti altri studenti, coppia denunciata

Follia ad Avola: rimprovera l’alunno e i genitori rompono costola al prof

10 gennaio 2018
(Immagine di archivio)

SIRACUSA. Il rimprovero di un insegnante di educazione fisica a un alunno ha fatto scattare la protesta dei genitori che si sono recati a scuola e hanno picchiato il docente con calci e pugni, provocandogli la rottura di una costola.

È successo stamani ad Avola (SR), nell’istituto Vittorini. La coppia ha aggredito, sotto gli occhi degli altri studenti, l’insegnante che è stato costretto a fare ricorso ai medici dell’ospedale Di Maria. I carabinieri hanno denunciato la coppia (47 anni lui, 33 lei) per lesioni e interruzione di pubblico servizio.

Avrebbe alzato la voce verso quell’alunno irrequieto durante la sua ora di educazione fisica. Un rimprovero, come ne avvengono quotidianamente sui banchi di scuola. Ma lo studente, che ha 12 anni, ha deciso di avvertire subito i suoi genitori per fargliela pagare. I genitori, papà operaio e mamma casalinga, sono arrivati nel cortile dell’Istituto Vittorini ad Avola e hanno cominciato a picchiare con calci e pugni l’insegnante di 60 anni. Il docente è ricoverato in ospedale. La prognosi è di 10 giorni. Solo l’intervento di altri docenti ha evitato peggiori conseguenze.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Relazione terapica fra vincolo e opportunità

Nel rapporto con lo Psicologo si mettono in atto le modalità tipiche personali di rapportarsi agli altri, i meccanismi difensivi utilizzati, gli errori percettivi e come l’individuo si protegge da persone, idee o consapevolezze dolorose.