11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41

Le domande entro il 27 settembre

Fondazione Falcone, quindici borse di studio sul tema della criminalità organizzata

29 Giugno 2019

La Fondazione Falcone ha bandito un concorso per quindici borse di studio di 6.500 euro ciascuna, finanziate dall’Assemblea Regionale Siciliana e intitolate a “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”, da assegnarsi a giovani che abbiano conseguito nelle Università siciliane pubbliche o private, entro il 27 settembre del 2019, data di scadenza del bando stesso la laurea magistrale o specialistica in Giurisprudenza, in Economia, in Scienze Politiche o comunque in Scienze giuridiche, economiche, politiche e sociali con il massimo dei voti.

Si tratta di un concorso per titoli, eventualmente integrato da un colloquio, finalizzato a promuovere attività di studi e ricerche sui temi legati alla criminalità organizzata. Le domande vanno presentate entro il 27 settembre prossimo. Le borse di studio hanno durata annuale e non sono rinnovabili né cumulabili con altre borse di studio, con assegni o sovvenzioni di natura analoga o con stipendi o retribuzioni derivanti da rapporti di lavoro pubblico o privato.

fondazione falconeNegli anni decine di ragazzi hanno partecipato al progetto con studi, ricerche e approfondimenti.  Un lavoro imponente e ricco di interesse su argomenti spesso alla ribalta della cronaca per il loro rilievo sociale. Le potenzialità della confisca dei patrimoni nei reati contro la pubblica amministrazione, la prevenzione della corruzione nel sistema degli appalti, le infiltrazioni dei clan mafiosi nel mondo dello sport e in particolare nel calcio, la tutela dei minori cresciuti in contesti mafiosi, le nuove sfide della Chiesa di Papa Francesco nella lotta alla criminalità organizzata: sono solo alcuni dei lavori premiati negli anni.

I candidati saranno giudicati da una commissione nominata successivamente alla scadenza del bando dalla Presidente della Fondazione, la professoressa Maria Falcone.

Quella dell’assegnazione delle borse di studio – spiega la professoressa Falconeè una delle attività che la Fondazione svolge per la promozione della cultura della legalità e della conoscenza dei fenomeni criminali. Un’attività che si aggiunge alla formazione nelle scuole e che riteniamo di primaria importanza. Molti dei ragazzi premiati in questi anni, proprio grazie alle nostre borse, hanno potuto finanziarsi stage e corsi di specializzazione che sono stati essenziali per l’ingresso nel mondo del lavoro”.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito della Fondazione: www.fondazionefalcone.it .

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.