16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.59

Sabato 24 e domenica 25 agosto

Fondazione Fs, Sicilia: dalla Valle dei Templi alle città del barocco con i treni storici del gusto

23 Agosto 2019

Per gli amanti dei treni storici il prossimo week end prevede due appuntamenti imperdibili in Sicilia.

Sabato 24 agosto alle ore 16 dalla stazione di Agrigento Centrale partirà Il treno dei Templi diretta a Tempio di Vulcano, con fermata intermedia alla stazione di Agrigento Bassa. L’itinerario turistico prevede la possibilità di effettuare una visita guidata all’interno del suggestivo Giardino della Kolymbethra gestito dal Fondo Ambiente Italiano. Sarà altresì possibile visitare l’antico ipogeo che conduce a Porta V e i leggendari templi che svettano sulla collina. Alle 18.15, nell’area di Tempio di Vulcano ai viaggiatori del treno storico sarà offerto un ricco aperitivo al tramonto. Il treno di ritorno partirà alle 19 con arrivo ad Agrigento Centrale alle 19.30. Il costo del biglietto è di 8 euro per gli adulti e 4 euro per i ragazzi.

Domenica 25 agosto nuovo appuntamento con il Treno del Barocco: alle ore 8.39 dalla stazione di Catania Centrale partirà il Treno del pane e delle dolcezze degli Iblei diretto a Siracusa e Noto. Il programma turistico prevede una prima sosta a Siracusa alle ore 10 con accoglienza e visita guidata di Ortigia a cura del Comune di Siracusa. Il percorso comprende il Tempio di Apollo, Piazza Archimede, Piazza Duomo con relativa visita del Duomo, la Chiesa di Santa Lucia alla Badia che custodisce la famosa tela del Caravaggio e, infine, la Fonte Aretusa.

Alle 12.30 si svolgerà il Laboratorio del Gusto Slow Food Sicilia presso l’Urban Center, cuore pulsante della cultura siracusana. I partecipanti saranno intrattenuti con una breve narrazione dei prodotti dei Presidi Slow Food del territorio siracusano: la Mandorla “romana” di Noto, il Cavolo vecchio di Rosolini, la Salsiccia di Palazzolo Acreide e il Miele di timo degli Iblei, non trascurando le altre eccellenze come il Limone femminello di Siracusa e i Moscati di Siracusa e Noto. E’ prevista, infine, una degustazione di biscotti di farina di mandorle e carrube, mentre il Miele di timo degli Iblei verrà offerto spalmato su fette di pane prodotto con grani antichi siciliani e lievito madre.

Alle 15 il treno partirà alla volta di Noto dove è in programma una escursione guidata che interesserà la Villa comunale, la Porta Ferdinandea, la Chiesa dell’Immacolata, la Cattedrale, il Municipio con la relativa Sala degli Specchi, Palazzo Nicolaci con relativo Salone delle Feste, Piazza 16 Maggio e il Teatro Comunale.

Il treno di ritorno partirà alle ore 19 da Noto con arrivo a Siracusa alle 19.53 e a Catania alle 21.24. Il costo del biglietto è di 20 euro per gli adulti e 10 euro per i ragazzi.

I biglietti sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram.

Il programma dei Treni storici del gusto è promosso dall’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.