Fondazione Open e l'indagine su Luca Sammartino, per il renzismo le cose si complicano | ilSicilia.it :ilSicilia.it

due inchieste in poche ore scuotono l'ex premier

Fondazione Open e l’indagine su Luca Sammartino, per il renzismo le cose si complicano

di
2 Dicembre 2019

Una partenza “coi botti” per il nuovo partito di Matteo Renzi. Qualche settimana fa, tifo quasi da stadio e standing ovation alle Ciminiere di Catania per il colonnello dell’ex Premier Luca Sammartino durante la convention di Italia Viva. Ma adesso, dopo l’inchiesta sulla Fondazione Open, il renzismo scivola sulla seconda buccia di banana, con l’indagine a carico di Luca Sammartino, il “bomber” siciliano che ha salutato i compagni del Partito democratico per approdare alla corte di Renzi.

Se l’inchiesta sulla Fondazione Open aveva già dato uno schiaffone politico, adesso per Renzi le cose si complicano, dopo che il numero uno dei consensi elettorali in Sicilia è stato indagato dalla procura di Catania per corruzione elettorale. Assunzioni in aziende private, raccomandazioni per promozioni o trasferimenti nella sanità, ed “aiutini” in merito a rateizzazioni di cartelle esattoriali, sono i fatti contestati dal procuratore capo Carmelo Zuccaro. Altri dodici, alcuni dei quali vicini politicamente al deputato regionale di “Italia Viva”, risultano indagati. Fra questi spicca il sindaco di Aci Castello Carmello Scandurra. La sua elezione come primo cittadino nel 2019 è stata la sperimentazione di una alleanza camaleontica che ha investito pezzi del centrodestra e renziani. Secondo le accuse, Scandurra avrebbe agevolato l’assunzione del figlio Filippo in una azienda sanitaria. Lui, il sindaco, si dice sereno: “Ho sempre avuto e ho grande fiducia nella giustizia e rispetto per il lavoro della Procura. L’avviso di garanzia che ho ricevuto mi lascia del tutto sereno. Mi adopererò con il mio avvocato per chiarire questa vicenda che mi viene attribuita. Confido comunque nella celerità delle indagini che dimostreranno la mia assoluta estraneità ai fatti contestati”.

Dichiarazione non dissimile, quella che era stata affidata alla stampa dallo stesso Luca Sammartino a poche ore dal ricevimento dell’avviso di garanzia, nonostante l’inchiesta arrivi come una doccia gelata, dopo l’avvio trionfale del nuovo percorso politico renziano: “Anche questa volta sono sereno del mio operato e dimostrerò la mia estraneità ai fatti che mi vengono contestati nelle sedi competenti. Sono fiducioso nel lavoro della magistratura a cui va il mio rispetto per la funzione che svolge all’interno delle istituzioni democratiche. Affronto con assoluta tranquillità questa vicenda”.

Il deputato regionale di Italia Viva, usa la frase: “Anche questa volta” perché in passato è stato indagato dalla Procura di Catania per le Regionali del 2017 in Sicilia nell’ambito di un’inchiesta sulla regolarità del voto espresso da persone anziane di una casa di cura della provincia etnea, ma il fascicolo fu successivamente archiviato.

Questa indagine, comunque sia, al momento frena la volata del recordman di voti in Sicilia Sammartino, che voci raccolte nei corridoi del palazzi della politica davano per papabile candidato alla Presidenza della Regione per le prossime elezioni in Sicilia. Del resto, durante il meeting catanese Renzi era stato molto chiaro: L’ex premier aveva lanciato la sfida per le prossime regionali pensando di poter ottenere i numeri per esprimere un candidato alla presidenza. Gli elettori corteggiati dall’ex premier sono di certo anche quelli di quel centrodestra moderato, che nei suoi desideri potrebbero passare da Forza Italia proprio a Italia Viva. Ma al momento per il partito non è tempo di pensare a vittorie politiche, ma di divincolarsi da queste beghe giudiziarie.

Non è un caso che i massimi esponenti del partito in merito all’inchiesta Open stiano usando la strategia che usava mister Sacchi nella nazionale italiana del 1994: attaccare per difendere. “Noi siamo stati sbalorditi che di fronte a tanta trasparenza ci sia stato un atteggiamento che è sembrato intimidatorio piuttosto che un’indagine” ha detto proprio ieri, Ettore Rosato, vice presidente della Camera e coordinatore nazionale di Iv, parlando con i giornalisti a margine della convention toscana di Italia Viva a Pistoia, a proposito dell’indagine della procura di Firenze sulla Fondazione Open. Seguito a ruota da Matteo Renzi che “Se pensano di farmi indietreggiare non hanno capito con chi hanno a che fare, noi non si lascia, si raddoppia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.