Fondazione orchestra sinfonica, in arrivo due ispettori dalla Regione :ilSicilia.it

dopo la bufera che ha investito la foss

Fondazione orchestra sinfonica, in arrivo due ispettori dalla Regione

di
20 Luglio 2019

Se qualcuno pensava che le trame oscure della Fondazione dell’orchestra sinfonica siciliana potessero essere dimenticate tra la brezza del mare estivo e il mare di luglio, si sbagliava. Sembra, infatti, che siano pronti due ispettori dell’assessorato regionale al Bilancio  per scandagliare accuratamente carte e documenti  e capire meglio la gestione dell’ente, che negli ultimi tempi ha fatto parlare molto di sé.

Pare che il governatore Musumeci, assessore pro-tempore al Turismo prima dell’arrivo di Manlio Messina, alla luce delle relazioni dell’ex commissario della Foss Nanni Riggio e del terremoto mediatico che ha sollevato il coperchio sulle ombre relative alla gestione della Fondazione, abbia chiesto un’ispezione, attraverso due funzionari del bilancio che costituirebbero un collegio dei revisori.

Ma andiamo per ordine.  Per giorni le cronache dei giornali hanno dato ampio respiro alla Foss e alla revoca lampo della nomina di Ester Bonafede eletta i primi di giugno alla guida della Fondazione. A condire il tutto, una documentazione dell’ex commissario della stessa Foss, Giovanni Riggio, che aveva agitato un polverone sulla vecchia gestione targata Giorgio PaceIl gossip politico che ha suscitato il cambio di rotta del presidente Stefano Santoro rispetto alla ormai ex sovrintendente Bonafede e le polemiche che hanno infuocato l’Orchestra sinfonica hanno alzato un velo anche su quanto sarebbe avvenuto negli anni passati.

Carte su carte, da cui emergerebbero ancora irregolarità all’interno della Fondazione orchestra sinfonica Siciliana, che da lunedì 25 giugno ha un nuovo sovrintendente, dopo la nomina del musicologo Antonino Marcellino. Sembrerebbe che per anni la Foss sia stata gestita come una sorta di ente privato.

Proprio in quei giorni di marasma per la Fondazione, erano stati invitati l’ex commissario Giovanni Riggio e il presidente del consiglio di amministrazione Stefano Santoro, a presentarsi alla quinta commissione dell’Ars per discutere di ciò che sta accadendo all’interno dell’ente. Insieme a loro, erano stati convocati anche il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore per l’economia Gaetano Armao.

A quanto pare i due commissari dovrebbero essere già a lavoro dalla prossima settimana, sempre che queste indiscrezioni non vengano smentite da un cambio di passo da parte del governo regionale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin