Fondazione TaoArte-Sicilia: Taormina approva lo statuto :ilSicilia.it
Messina

placet del Consiglio comunale

Fondazione TaoArte-Sicilia: Taormina approva lo statuto

di
11 Dicembre 2020

Dopo una lunga seduta conclusa la scorsa notte, il Consiglio comunale di Taormina ha approvato il nuovo schema di statuto della Fondazione Taormina Arte. Il documento era arrivato in aula il 24 novembre scorso ma la votazione era stata allora rinviata, nel frattempo il commissario straordinario Bernardo Campo ha ritirato la proposta di delibera e ne ha ripresentato il 27 novembre una nuova stesura con “un riesame” di alcuni passaggi, ritenendo che vi fossero dei refusi. Il Civico consesso ha dato ora il placet allo statuto, che avrà a breve il nulla osta definitivo della Regione (assessorato al Turismo). Si tratta dello schema che tiene conto e fa seguito all’avvenuta fuoriuscita dall’ente culturale del Comune di Messina e dell’ex Provincia regionale di Messina.

Lo statuto è stato approvato senza modifiche alla proposta di delibera, a conclusione di una maratona che ha portato alla bocciatura di 91 emendamenti presentati dall’opposizione.

La Fondazione avrà l’acronimo storico “TaoArte” che verrà usato all’esterno, mentre quello “TaoArte-Sicilia” per gli atti interni. Il Cda sarà composto da cinque componenti, e stando alla proposta che arriverà in discussione tre componenti sarebbero della Regione, Taormina – oltre alla presidenza del sindaco protempore – ne avrà anche un secondo rappresentante con il posto ad oggi vacante, destinato in futuro ai privati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.