Fondi anti-frane, Papatheu plaude al Governo regionale: "E' la svolta auspicata dai siciliani" :ilSicilia.it
Messina

Nei 101 mln stanziati rientrerà anche Capo Alì

Fondi anti-frane, Papatheu plaude al Governo regionale: “E’ la svolta auspicata dai siciliani”

27 Luglio 2018

La Regione Siciliana intensifica l’attività di contrasto all’erosione del territorio e alle frane con l’apposito stanziamento di 100 milioni di euro e nel messinese, con le risorse messe a disposizione da Palermo, si va verso una svolta nella zona ionica per la spinosa questione della frana verificatasi ad Ali Terme che nei giorni scorsi ha determinato, in via temporanea, la chiusura della SS14 e ha determinato gravi disagi alla viabilità e alla vivibilità in zona. Soddisfazione per la svolta che si concretizzerà nel versante di Capo Alì viene evidenziata dalla senatrice messinese Urania Papatheu che, nell’immediatezza dell’accaduto, oltre ad effettuare un sopralluogo e ad incontrare gli amministratori locali, aveva posto la questione all’attenzione dei vertici della Regione.

“In occasione del mio sopralluogo ad Alì Termeafferma la sen. Papatheu – ho potuto verificare personalmente che un modello virtuoso possa ancora esistere in Sicilia e spero d’ esempio per altre strutture regionali, soprattutto in vista delle scadenze di fine anno sulla spesa dei Fondi europei. Oltre a sbloccare opere, in alcuni casi vitali per i Comuni, infatti, è stato evitato che le risorse rimanessero inutilizzate e in più rimesso in moto l’economia, a tutto vantaggio di imprese e di lavoratori. La Regione Siciliana ha già stanziato lavori per oltre cento milioni di euro negli ultimi sei mesi in materia di dissesto idrogeologico. Voglio con l’occasione ringraziare il Commissario Straordinario Delegato per la Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Sicilia, Maurizio Croce e i suoi uffici soprattutto per l’impegno profuso”.

“Croce ha con i suoi uffici – continua Papatheu – ha proceduto a dare corso a ben 42 interventi sparsi in tutta l’isola. In un caso, addirittura, i lavori sono già stati ultimati, mentre in due sono ancora in corso. Cinque le gare aggiudicate, mentre otto sono le procedure in corso di aggiudicazione e per ventisei interventi, infine, le procedure sono ancora aperte. Sono sicura che non era mai accaduto prima che in così poco tempo dalla Regione Siciliana fossero mandati in appalto progetti per 101,5 milioni di euro. Ritengo, pertanto, che grazie al nostro Governo si possa dire che siamo nella direzione giusta quella del cambiamento auspicato dai siciliani ma a differenza del governo di Roma, il nostro è sicuramente un cambiamento che lavora per migliorare la vita di noi siciliani. In settimana entrante (lunedì) sarò ricevuta dagli uffici di Via Costantino Nigra con il sindaco e il vicesindaco di Alì Terme perchè da noi uniti si vince e vincono soprattutto il territorio ed i cittadini”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.