Fondi Europei: in Sicilia il Piano per l’allevamento delle anguille :ilSicilia.it
Messina

IL SEMINARIO A SINAGRA

Fondi Europei: in Sicilia il Piano per l’allevamento delle anguille

11 Agosto 2019

Il 12 agosto a Sinagra provincia di Messina, si terrà il secondo seminario sul Piano regionale dell’allevamento delle Anguille. Interverranno il direttore generale Rosolino Greco e l’assessore all’agricoltura Edy Bandiera.

Il comune di Sinagra da sempre apripista in questa opportunità di sviluppo, mette in luce i Fondi Europei con i quali viene incentivata l’Acquacoltura , una grande opportunità per la nostra regione,caratterizzata da risparmio energetico, sostenibilità ambientale e dalla sicurezza alimentare.

anguilleLe proteine del pesce hanno elevatissimo valore biologico e minore impatto ambientale rispetto agli altri sistemi di allevamento. Il prodotto di acquacoltura mette insieme queste caratteristiche e offre garanzie di qualità e gusto ai consumatori. Ad oggi l’import italiano del prodotto di acquacoltura proveniente dal bacino mediterraneo (Turchia, Grecia, etc) è di 4 miliardi di euro.

Le potenzialità della Sicilia sono elevatissime sia per la maricoltura che per l’acquacoltura rurale delle aree interne, dove gli imprenditori agricoli diventano anche allevatori di pesce.

Il sindaco Musca farà da padrone di casa e coordinerà i lavori il dirigente Catagnano. Interverranno il dirigente regionale pesca Alfonso Milano, il presidente nazionale pescicoltori Antonio Salvador, il biologo Fabio Borghesan, il ricercatore Oliveiro Mordenti e il prof. Fabio Marino. Il seminario è anche occasione per scoprire il comune di Sinagra tra i più caratteristici del parco dei Nebrodi.

 

LEGGI ANCHE:

Acquacoltura, in arrivo 40 milioni di fondi europei in Sicilia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.