Fondi ex Gescal, Miconi (Ance Palermo): "Speriamo che i progetti diventino velocemente cantieri" :ilSicilia.it
Palermo

INTERVENTI PER 58,7 MILIONI DI EURO

Fondi ex Gescal, Miconi (Ance Palermo): “Speriamo che i progetti diventino velocemente cantieri”

23 Maggio 2020

Nella giornata di ieri è stato approvato al consiglio comunale di Palermo i fondi ex Gescal rimasti per decenni nel cassetto e recuperati grazie al Patto per il Sud.

Un accordo tra la Regione Siciliana e il Comune di fine aprile ha permesso di sbloccare un fondo di 58,7 milioni di euro rimasto impantanato per vent’anni che servirà a finanziare decine di interventi di riqualificazione nei quartieri periferici Sperone, Zen e Borgo Nuovo, dalla ristrutturazione di alcune scuole alla realizzazione di parchi e giardini fino al recupero o al completamento di strade e piazze.

Siamo contenti dell’accelerazione in Consiglio comunale dello sblocco dei fondi ex Gescal e speriamo che i progetti diventino velocemente cantieri, dato che ormai i tempi della burocrazia sono insostenibili”, afferma il presidente di Ance Palermo Massimiliano Miconi.

Abbiamo detto più volte che l’avvio di cantieri piccoli e medi è la strada da intraprendere per cercate di uscire da questa profonda crisi e dotare la città di nuovi servizi – continua Miconi -. Adesso è ancora più necessario e urgente costituire quella task force per l’emergenza nel settore dell’edilizia tra Ance e Comune di cui spesso si è parlato, per monitorare e accelerare l’avvio delle opere e svolgere attività di monitoraggio sull’avanzamento dei lavori realizzati con i fondi ex Gescal, ma anche con quelli per le periferie e per i parcheggi che l’amministrazione regionale sta accreditando al Comune di Palermo”, chiosa il presidente di Ance Palermo.

LEGGI ANCHE

Palermo, il consiglio comunale approva i fondi ex Gescal. In arrivo 58 milioni per le periferie

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.