Fondi FEASR 2021-2022, regioni del Nord e del Sud sempre distanti sui criteri per la ripartizione :ilSicilia.it

Fondi FEASR 2021-2022, regioni del Nord e del Sud sempre distanti sui criteri per la ripartizione

di
6 Febbraio 2021

Restano distanti le posizioni di regioni del Nord e regioni del Sud in merito alla definizione dei criteri di riparto dei fondi FEASR 2021-2022. La Conferenza delle regioni, pertanto, ha deciso di fare svolgere un supplemento di istruttoria in una riunione congiunta delle Commissioni Politiche Agricole e Affari Finanziari.

Durante l’ultima assise sono emerse due posizioni assolutamente divergenti: la prima, condivisa da Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Umbria, che si richiama al mantenimento dei criteri storici di ripartizione dei fondi anche per gli anni 2021-2022. A portare avanti questa posizione, per l’Isola, l’assessore regionale all’Agricoltura, allo Sviluppo rurale e alla pesca mediterranea Toni Scilla.

La seconda, condivisa dalle 15 Regioni rimanenti e dalle Province Autonome, che prevede il superamento, sulla base dell’accordo politico assunto nel 2014 in Conferenza, dei criteri storici – intendendo il periodo 2021-2027 quale “nuova programmazione” – e l’introduzione di nuovi (SAU, il numero delle aziende agricole ricavato dai dati Istat 2016), la superficie forestale ricavato dall’IFN 2016, la Popolazione delle  aree rurali C e D e il PLV che fa capo al triennio 2015-2017 dei dati Istat).

Il Coordinatore della Commissione Affari Finanziari Davide Caparini, in relazione al mandato ricevuto dai
Presidenti, ha comunicato che elaborerà una proposta di mediazione che tiene conto delle posizioni espresse dalla maggioranza delle Regioni e Province Autonome nel corso della riunione, sottolineando la sua contrarietà a rimettere la questione al Ministero per incapacità delle Regioni di trovare una sintesi.

Una prospettiva non condivisa dalle regioni del Sud, secondo le quali ciò costituirebbe un‘incoerenza rispetto al ruolo propositivo da sempre rivendicato dalle Regioni in relazione alle proprie competenze. “La perdita per la Sicilia – afferma il dirigente dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, allo Sviluppo Rurale e alla Pesca Dario Cartabellotta sarebbe più di 400 milioni“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.