Fondi per Gela e Termini Imerese, Falcone: "Nessun taglio alle opere" :ilSicilia.it
Palermo

parla l'assessore regionale alle Infrastrutture

Fondi per Gela e Termini Imerese, Falcone: “Nessun taglio alle opere”

di
3 Luglio 2020

“Abbiamo letto di un presunto ‘scippo’ che il Governo Musumeci avrebbe perpetrato nei confronti delle città di Gela e Termini Imerese riguardo i fondi destinati alle Aree di crisi complessa. Niente di più impreciso e distante dai fatti. La riprogrammazione dei fondi che abbiamo operato si basa invece su una scelta chiara: impegnare i soldi su progetti esecutivi ed immediatamente cantierabili, dove cioè possono essere subito riversati in opere sul territorio. Non è questo il caso dei due progetti di Gela”.
Lo afferma l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, a proposito della riprogrammazione delle risorse del “Patto per la Sicilia” e le risorse per Gela e Termini Imerese.

“Sul nuovo lungomare di Manfria e la rotatoria Roccazzelle abbiamo infatti trovato solo degli elaborati tecnici, sprovvisti di pareri e autorizzazioni di Genio civile, Soprintendenza e della verifica ex art. 26 del Codice degli appalti. All’inizio di giugno avevamo fatto esplicita richiesta al Comune di Gela per la progettazione esecutiva e ci è stato risposto che sarà trasmessa appena possibile. Nelle more, dunque, abbiamo voluto usare i fondi a disposizione della Regione per opere i cui lavori hanno già preso avvio, ma questo – sottolinea Falcone – non significa che per Gela non ci siano più risorse. Come infatti già avvenuto in altre occasioni – dal Comune di Bronte ad altri enti – per Gela abbiamo accantonato le risorse derivanti dalle economie di altre opere. Dunque, non appena il Comune ci fornirà le necessarie progettazioni esecutive, tali opere saranno finanziate come previsto”.

“Per quanto riguarda le somme per Termini Imerese – aggiunge l’assessore alle Infrastrutture – il Governo Musumeci ha riprotetto l’opera con altri fondi Fsc attraverso una delibera da 80 milioni del 28 maggio scorso che prevede, tra le altre cose, le opere di urbanizzazione per la zona termitana. Di fronte a tempi burocratici insostenibili e lunghe attese, siamo convinti che il tempo dei libri dei sogni sia finito. La Sicilia e i siciliani – rimarca Falcone – ci chiedono di impegnare i soldi dove realmente servono, dove cioè possono avere la più rapida ricaduta in termini di cantieri e lavoro sul territorio. L’orientamento del Governo Musumeci servirà da stimolo per i Comuni, facendo crescere tutti attraverso la sana competizione degli enti su progettazione e opere cantierabili”, conclude l’assessore Falcone.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.