23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33

Il governatore commenta l'uscita del ministro

Fondi Ue, Musumeci su parole Lezzi: “Riconoscimento che sconfessa suoi colleghi all’Ars”

2 Gennaio 2019

Accogliamo con piacere le parole del ministro Barbara Lezzi perché rappresentano il riconoscimento del lavoro svolto qui in Sicilia che ci ha consentito di tagliare un traguardo forse insperato anche per il governo centrale, nonostante la pesante situazione ereditata da chi ci ha preceduti e che anche sulla spesa dei Fondi europei era rimasto all’anno zero“. Lo dice il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo le dichiarazioni del ministro per il Sud che, commentando l’avvenuta rendicontazione da parte dell’Italia di tutti le risorse comunitarie, aveva rivolto un ringraziamento particolare proprio al governatore dell’Isola.

Un riconoscimento autorevole – aggiunge Musumeci – che sconfessa i commenti pervenuti da alcuni suoi colleghi di partito all’Ars e che ormai ci hanno abituati alla critica a ogni costo, anche al cospetto dei numeri che, per loro stessa natura, sono incontestabili. Guardiamo avanti. Abbiamo già detto che non ci accontentiamo e che ogni obiettivo appena raggiunto diventa, un minuto dopo, il punto di partenza per raggiungerne uno nuovo, ancora più importante. E così sarà“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.