Forestali siciliani e incendi: "Maggio è cruciale. Senza interventi e riforma sarà crisi" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

L'allarme dei sindacati

Forestali siciliani e incendi: “Maggio è cruciale. Senza interventi e riforma sarà crisi”

di
3 Maggio 2021

La proposta di legge del Governo Musumeci per riformare la Forestale siciliana, potrebbe finalmente arrivare entro le prossime settimane. Un’iniziativa annunciata da tre anni e che dovrebbe accompagnarsi all’avvio dei progetti per la campagna antincendio. A darne notizia è il Segretario generale della Flai Cgil, Tonino Russo.

“La mia sensazione – dice Russo – è che il Governo regionale non abbia una visione complessiva della materia ma confidiamo nelle parole di rassicurazione dell’Assessore all’agricoltura, Toni Scilla e contiamo di vedere presto il testo di questa legge, confrontandoci con chi di dovere“.

Come ogni anno, anche per il 2021 si ripresenta puntuale la questione relativa ai ritardi sull’avvio della campagna antincendio in Sicilia. Due le cause principali: il fatto che i progetti e le risorse siano legati ai tempi (spesso biblici), dell’approvazione della Finanziaria regionale e il fatto che quest’anno le somme per la  manutenzione dei boschi e per le  opere di prevenzione incendi, siano state appostate nei fondi europei Poc mentre, le somme (a cui  mancano peraltro circa 25 milioni di euro) per la  repressione degli incendi  si trovano già nel bilancio della Regione siciliana.

Dopo i due giorni di mobilitazione organizzati da Fai-Flai-Uila Sicilia il il 26 e il 27 aprile scorsi, resta alta l’attenzione dei sindacati. Per Toni Scilla e il  dirigente del Dipartimento Sviluppo rurale e territoriale Mario Candore, sia la riprogrammazione dei fondi che la progettazione saranno portati a termine in tempo utile per far partire la campagna antincendio.

“Ci dicono – prosegue Russo – che dopo metà maggio si parte. Ma la procedura è nuova. Se non si realizzano le opere di prevenzione, il rischio è che si verifichi lo stesso disastro incendi dell’anno scorso. Della procedura si occupano gli uffici del Dipartimento Territorio  e l’Assessorato alla Programmazione. Per quest’anno, ci sono 134 milioni di euro. Qualora si verificassero ritardi nell’approvazione, la Regione si impegnerebbe ad anticipare le risorse con fondi propri. Il vero problema è che manca un piano annuale di gestione del settore e da gennaio non viene fatto nulla”.

A dicembre del 2020 i lavoratori forestali sono in tutto 18.649. Di questi, 1328 a tempo indeterminato, 5295 a 151 giornate, 8774 101 giornate e 3252  sono a 78 giorni.

Senza una riforma seria non si andrà molto lontano. Per Russo, la lotta ai cambiamenti climatici e al riscaldamento globale, si fa anche piantando alberi e approfittando delle risorse del Recovery Fund facendo in modo che la Sicilia si adegui al Testo unico della Forestazione italiana e alle norme europee.

“Tra dieci anni  non ci sarà più una forestale pubblica in Sicilia. Servono interventi sul territorio e interventi sull’occupazione che non si traduca in forme di ammortizzatori sociali ma lavoro vero”, ha concluso Russo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco