Forestali. Ugl: "Dal Governo il via libera per riforma con stabilizzazione a 180 giornate" :ilSicilia.it

Ora la parola passa al parlamento siciliano

Forestali, Ugl: “Dal Governo il via libera per riforma con stabilizzazione a 180 giornate”

di
2 Luglio 2021

Il governo regionale ha mantenuto l’impegno con l’approvazione del disegno di legge di riforma del comparto forestale“. A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia e Franco Arena, Segretario regionale Ugl Forestali.

Il disegno di legge mira a un impiego più razionale ed efficace dei lavoratori forestali accogliendo parte di quanto contenuto nella proposta che due anni fa abbiamo presentato al Presidente della Regione Nello MusumeciIl testo varato dalla Giunta di governo – precisano Messina e Arena – prevede la cristallizzazione della spesa a 232 milioni, la stabilizzazione del personale tutto a 180 giorni entro sei anni“.

La riforma adesso assume una valenza giuridica – chiariscono i due sindacalisti –  perché dalle parole l’esecutivo regionale è passato ai fatti. Ed è un fatto storico, perché dopo oltre un ventennio adesso ci si può confrontare su un concreto strumento di legge e non più sui buoni propositi, provando a migliorarlo senza strumentalizzazioni e inutili fughe in avanti, ma con quel senso di responsabilità che si deve ai forestali che da anni attendono una degna riforma“.

Adesso la parola passa al parlamento siciliano – proseguono – e nell’iter parlamentare, che porterà il disegno di legge in Aula per l’approvazione, ci sarà lo spazio per il confronto anche con il mondo sindacale per migliorare il testo, anche con risorse aggiuntive, a nostro avviso, necessarie a garantire il raggiungimento dell’obiettivo finale delle 180 giornate, attraverso un armonico e graduale passaggio dei lavoratori nei contingenti, anno per anno, e con il mantenimento del turnover“.

Fanno specie certi atteggiamenti sindacali che mettono in discussione il confronto costante sul disegno di legge che non è mai mancato – concludono Messina e Arena – lo stesso assessore regionale dell’Agricoltura, Toni Scilla, nell’ultima riunione al Tavolo Tecnico di riforma con i sindacati maggiormente rappresentativi, lo aveva anticipato nelle linee generali, rimandando a dopo il passaggio formale con il Presidente Musumeci e la Giunta di governo. Per la condivisione del testo, la successiva fase di verifica sul contenuto di ogni articolo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.