Formazione, nuovi bandi. L'assessore Lagalla: "Puntiamo sui fabbisogni delle imprese" :ilSicilia.it

novità dalla regione

Formazione, nuovi bandi. L’assessore Lagalla: “Puntiamo sui fabbisogni delle imprese”

di
4 Luglio 2019

La Formazione entra in impresa e introduce importanti novità a sostegno del lavoro, della competitività e dello sviluppo del sistema produttivo siciliano. Impresa didattica, formazione per la creazione di nuova occupazione, formazione continua per sostenere il passaggio delle imprese alla quarta rivoluzione industriale e poi apprendistato di I e di III livello.

Sono queste le novità presentate in occasione di un incontro promosso dall’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale e tenutosi a Palermo a Palazzo Reale. “Cambia il paradigma della formazione professionale in Sicilia e si punta sui reali fabbisogni delle imprese – ha spiegato Roberto Lagalla – questo è l’obiettivo che si e’ posto il governo Musumeci. La grave distorsione tra domanda e offerta di lavoro alimenta la disoccupazione, spinge la fuga di cervelli e blocca la crescita del comparto aziendale locale. Con questi interventi puntiamo a un’inversione di tendenza, attraverso un’innovazione di metodo che pone l’accento sulla formazione continua e sull’innalzamento generale delle competenze della popolazione”.

Dopo che l’anno scorso sono stati siglati oltre 400 contratti, è già stata pubblicata la nuova edizione del bando per l’Apprendistato di I livello che accompagna i ragazzi, tra i 15 e i 25 anni, al conseguimento di una qualifica o di un diploma professionale. Insieme a questo, sara’ ulteriormente incentivato l’Apprendistato di alta formazione e ricerca per sostenere l’innalzamento del livello delle competenze di giovani tra i 18 e i 29 anni. In questo caso il sistema duale permette ai giovani di compiere un’esperienza lavorativa e parallelamente seguire un percorso formativo finalizzato al conseguimento del diploma d’Istruzione Tecnica Superiore, della laurea triennale magistrale o a ciclo unico, del master di I e II livello, del dottorato di ricerca, di contratti presso enti di ricerca. Una prima sperimentazione per la Sicilia sarà invece l’impresa didattica. L’intervento mette in relazione attori economici, istituzioni e giovani studenti per creare una realtà produttiva all’interno dell’istituzione formativa stessa, ed educare i giovani attraverso un’esperienza lavorativa a scuola.

Un altro intervento è invece rivolto a giovani o adulti disoccupati o inoccupati che si affacciano nel mercato del lavoro: si tratta della formazione per la creazione di nuova occupazione. Infine, un’altra novità per la Regione Siciliana, in ambito di formazione, è rappresentata dalla Formazione continua in impresa, finalizzata a sostenere il passaggio delle aziende dalla quarta rivoluzione industriale. Lavoratori e lavoratrici occupati potranno essere formati dall’impresa che avraà quindi l’opportunità di accrescere il capitale professionale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin