Formazione professionale, chiesti 12 anni per l'ex deputato Genovese :ilSicilia.it
Messina

In primo grado era stato condannato a 11 anni

Formazione professionale, chiesti 12 anni per l’ex deputato Genovese

di
5 Marzo 2019

Il sostituto procuratore generale di Messina ha chiesto un aggravamento di pena a 12 anni (in primo grado la condanna era stata di 11 anni) per l’ex parlamentare di Forza Italia Francantonio Genovese, imputato nel processo d’appello sulla formazione professionale regionale, nato dall’inchiesta “Corsi d’oro 2”.

Dopo una lunga requisitoria, il pg ha chiesto pene più alte anche per altre 11 delle 21 persone condannate in primo grado: la richiesta più bassa è di 2 anni e 2 mesi, la più alta e quella per Genovese, sul quale grava anche – come per altri imputati – il reato di peculato.

Aggravi di pena sono stati chiesti anche per Elio Sauta: 7 anni e 10 mesi (6 anni e 6 mesi in primo grado); Elena Schirò, 4 anni e 4 mesi (3 anni e 6 mesi); Salvatore Natoli e Stefano Galletti, 4 anni (3 anni); Natale Lo Presti, 5 anni (4 anni e 6 mesi); Graziella Feliciotto, 3 anni e 9 mesi (3 anni e 3 mesi); Carmelo Favazzo, 3 anni e 3 mesi (3 anni); Natale e Carmelo Capone, 3 anni e 2 mesi (2 anni e 2 mesi); Giuseppina Pozzi e Concetta Cannavò, 2 anni e 2 mesi (2 anni); Francesco Rinaldi, 3 anni e 6 mesi (2 anni e 6 mesi). Per quest’ultimo, cognato di Genovese ed ex deputato regionale, è stata chiesta anche la condanna per associazione a delinquere dalla quale era stato assolto in primo grado.

Per gli altri imputati l’accusa ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado. Sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere, riciclaggio, truffa aggravata, frode fiscale.

Gli imputati, attraverso a prestazioni simulate, affitti gonfiati, noleggio di attrezzature e contratti di pulizia dei locali in cui venivano tenuti i corsi di formazione professionale finanziati con denaro pubblico, avrebbero ottenuto fondi extra approvati dalla Regione che erogava proprie risorse insieme a quelle statali ed europee. I costi sarebbero stati gonfiati fino al 600%.

 

LEGGI ANCHE:

Scandalo Formazione, stangata Genovese. Condanna a 11 anni in primo grado. Sequestrate quote in due società di navigazione

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.