Formazione professionale, lavoratori occupano sala dell'assessorato regionale :ilSicilia.it
Palermo

la decisione dopo un incontro a palermo

Formazione professionale, lavoratori occupano sala dell’assessorato regionale

di
11 Dicembre 2019

Alcuni lavoratori della Formazione professionale hanno occupato a Palermo la sala Bonsignore dell’assessorato regionale alla Famiglia.

Adriana Vitale, per conto degli ex Sportellisti liberi, Alessandra Canto e Sandro Cardinale, in rappresentanza della Usb, Rosanna Cocomero per conto del Sinalp e Liana Megna per lo Snals, hanno deciso l’occupazione al termine di un incontro interno, accompagnato da una piattaforma rivendicativa presentata da Cgil, Cisl, Uil, Usb, ex Sportellisti liberi, Snalv, Sinalp, Irriducibili della formazione professionale.

Oggi erano stati ricevuti in assessorato alla famiglia dagli assessori Scavone e Grasso e da una serie di funzionari tra i quali il capo di gabinetto Rosaria Barresi. Di tutti i punti sottoposti alla attenzione degli assessorati, nessuno avrebbe ricevuto l’approvazione.

Tra questi, per gli ex Sportelli multifunzionali, la negazione del riconoscimento degli anni di servizio ai fini dell’inserimento nelle graduatorie Ata per il bando di concorso che dovrebbe essere pubblicato in in primavera.

Relativamente al tavolo istituzionale tra assessori e ministero del Lavoro, dove si chiedevano misure per l’esodo dall’albo, le risposte fornite sono definite dai sindacato “assolutamente negative. Nessun accesso ai prepensionamenti“.

Da qui la decisione di occupare l’assessorato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.