15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22

Il prossimo incontro si terrà tra lunedì e martedì

Formazione Sicilia, sindacati: vicini all’accordo per la ricollocazione dei lavoratori

13 Luglio 2018

“La trattativa sulla tutela dei lavoratori storici della formazione professionale siciliana, per la loro ricollocazione, è stata riportata nell’alveo del contratto collettivo nazionale”. Lo dicono i segretari regionali della Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, della Cisl Scuola, Francesca Bellia, e della Uil Scuola, Claudio Parasporo a margine dell’incontro che si è tenuto stamani tra le parti presso l’assessorato alla Formazione della Regione Siciliana. All’incontro hanno partecipato, in rappresentanza delle parti datoriali, Cenfop, Forma, Assoform e Confap. Il prossimo si terrà tra lunedì e martedì.

L’impasse di queste ultime settimane è stata quindi superata. “L’ipotesi che sta prendendo forma – aggiungono – parte dal riconoscimento dei diritti di tutti i lavoratori dell’albo unico regionale in applicazione dell’art. 5 del collegato alla legge finanziaria regionale, oggi pubblicata in gazzetta ufficiale, che ha rappresentato un importante punto fermo”. Non tutti gli 8.000 lavoratori però troveranno posto presso gli enti, ma solo una parte di loro. Per gli altri sono al vaglio altre misure.

“Su queste basi, nell’ambito di una trattativa in pieno svolgimento, ma su cui si è d’accordo come struttura portante – continuano Pistorino, Bellia e Parasporo – può edificarsi un confronto costruttivo, già dalle prossime ore, per definire e sottoscrivere soluzioni condivise tra le organizzazioni sindacali, le associazioni degli enti di formazione e le istituzioni regionali”.

“Diamo atto all’assessore Roberto Lagalla – concludono – di aver svolto un’importante attività di mediazione tra le più estreme posizioni in campo, che tuttavia hanno ribadito i punti essenziali della nostra proposta”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.