Fortè: lavoratori allo stremo, i sindacati scendono in piazza :ilSicilia.it
Palermo

Nuovo sit-in dei lavoratori

Fortè: lavoratori allo stremo, i sindacati scendono in piazza

di
27 Dicembre 2019

lavoratori dei supermercati Fortè scendono in campo a sostegno della vertenza, organizzata dalla Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, che vede coinvolti oltre 500 dipendenti della nota azienda isolana

Un folto corteo si è snodato all’interno delle strade del centro di Palermo, in particolare in via Terrasanta, per esprimere tutto il proprio malcontento verso una crisi che sta mettendo in ginocchio il colosso della GDO siciliana.

Un 2019 amaro per questi lavoratori, per lo più monoreddito, che giorno dopo giorno temono sempre più di non poter sostentare i bisogni quotidiani delle loro famiglie – dice Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat Cisl Siciliaecco perché abbiamo organizzato, un corteo che partirà da piazza Alberico Gentili per raggiungere il punto vendita di via Generale Di Maria dove è organizzato il sit-in.

I lavoratori – prosegue la segretaria Cisl – sono ormai allo stremo: i troppi ritardi nel pagamento degli stipendi sono diventati insostenibili. Ad aggravare ancor più la situazione, la domanda di ammissione all’amministrazione straordinaria formulata dall’azienda che ha bloccato la procedura di cessione di 56 punti vendita alla Apulia Distribuzione”.

Il tribunale di Catania, presso cui è stata depositata la procedura, si pronuncerà sull’eventuale autorizzazione il 7 gennaio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin