Forum Palermo, si cambia. Dopo i licenziamenti, in arrivo 15 nuovi negozi :ilSicilia.it
Palermo

Arrivano nuovi brand, ma i sindacati lamentano: "Ancora 20 licenziati da riassumere"

Forum Palermo, si cambia. Dopo i licenziamenti, in arrivo 15 nuovi negozi

26 Aprile 2017

Forum PalermoDopo la chiusura dei punti vendita Promod, Stella Z, Oltre, Silvian Heach, Genius, Emporio 88 e anche il fast food Burger King, il centro commerciale Forum Palermo di Brancaccio si rinnova con l’arrivo di ben quindici nuove aperture di insegne nazionali e internazionali.

Nei primi mesi del 2017, brand quali Tommy Hilfiger, Benetton, Bialetti, Illy, Calvin Klein, Piazza Italia, NAU!, Bata, Tally Wejil, Motivi e Bershka hanno inaugurato o sveleranno i nuovi layout delle proprie boutique all’interno del Centro. Le novitàriguardano una superficie di vendita di oltre 3.500 metri quadrati.

 

Ma per i sindacati resta da scioglier eil nodo dei licenziamenti avvenuti nei mesi scorsi. “Le scelte commerciali del centro commerciale Forum rimangono nell’autonomia dell’azienda e se creano ricchezza al territorio ben vengano. Ma il problema della tutela dei lavoratori dei negozi che hanno chiuso resta. Il business non può non tenere conto dell’occupazione”. Così Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia, ha commentato la notizia dell’arrivo dei 15 nuovi marchi. “Ci sono più di 20 lavoratori di negozi che hanno chiuso che non sono stati riassorbiti. Ci sono dei contenziosi in corso e riteniamo che un commercio sano debba rispettare anche le esigenze dei lavoratori. Questo è solo un problema di volontà, il centro commerciale potrebbe comunque raggiungere un accordo coi sindacati e garantire i livello occupazionali”.

 

LEGGI ANCHE

Svincoli di Brancaccio, si riapre la partita. L’accordo top secret per ultimare l’opera

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.