Forza Italia attacca la Lega: "Solo noi possiamo salvare la Sicilia" :ilSicilia.it

dopo le elezioni del 28 aprile

Forza Italia attacca la Lega: “Solo noi possiamo salvare la Sicilia”

di
2 Maggio 2019

Le Amministrative che si sono svolte il 28 aprile continuano a suscitare reazioni. Il risultato ottenuto nel Nisseno al centro delle esternazioni di Michele Mancuso, coordinatore di Forza Italia per la provincia di Caltanissetta.

“Mi rivolgo agli elettori di Gela e Caltanissetta e in generale ai Siciliani: immaginate se io andassi a fare il coordinatore regionale di un partito del sud nella regione Veneto. Mi viene da ridere o da piangere se penso che un signore di Busto Arsizio fa il coordinatore della Lega in Sicilia. Si vede che è un pesce fuor d’acqua”.

“Le nostre città non hanno bisogno di messia, ma di persone oneste e perbene che soprattutto conoscono il territorio e chi lo abita. Caltanissetta con Giarratana e Gela con Greco avrebbero davanti un futuro di speranza e di serietà. Siamo stanchi dei conquistatori. Vorrei chiedere al sottosegretario Candiani cosa pensa davvero quando dopo un comizio sale sul suo aereo e va a duemila chilometri di distanza a dormire?”. 

“Penso – conclude il Parlamentare – che anche noi abbiamo il diritto di sognare una terra migliore e non saranno certamente i veneti a darcela. Semmai gli stessi siciliani, che ogni giorno lottano, soffrono e vivono una terra matrigna. Noi, signori leghisti, la Sicilia la vogliamo salvare senza perdere la dignità. Spero tanto che i politici siciliani, quelli veri, trovino finalmente la forza e la buona volontà per cacciare lo straniero dalle nostre città. Signor Candiani, lo straniero non è chi viene a bussare in cerca di aiuto su un barcone, ma chi vuole comandare, come voi, in casa nostra dopo aver pregato Forza Etna e Vesuvio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.