Forza Italia contro la proposta di Di Maio: "No a chiusura domenicale dei negozi" :ilSicilia.it

La senatrice Papatheu contesta Di Maio

Forza Italia contro la proposta di Di Maio: “No a chiusura domenicale dei negozi”

di
21 Giugno 2018

La chiusura domenicale dei negozi è un’idea che può determinare soltanto una condizione di decrescita“. Il monito arriva dalla senatrice messinese di Forza Italia, Urania Papatheu, che chiede al Governo un passo indietro sul proposito dello stop alle aperture nei giorni festivi per gli esercizi commerciali. A caldeggiare la discussa proposta delle chiusure è il ministro Luigi Di Maio, nei riguardi del quale arriva invece dalla Papatheu una netta e contraria presa di posizione.

Urania Papatheu
Urania Papatheu (FI)

A non convincere sono i riflessi economici e sociali che tale provvedimento potrebbe determinare se dovesse essere messo in atto. “Imporre la chiusura nei giorni festivi degli esercizi commerciali – spiega la senatrice Papatheu – significa in concreto penalizzare economicamente 3,5 milioni di lavoratori e ridurre spazi di libertà ai consumatori che si tradurranno inevitabilmente in calo delle vendite, cioè in minore gettito Iva. Insomma, la proposta Di Maio penalizza tutti: venditori, acquirenti e casse dello Stato. Una grande idea di decrescita”.

“Spero – aggiunge l’esponente messinese di Forza Italia a Palazzo Madama – che, soprattutto in questo caso, dalle parole non si passi ai fatti, sarebbe un colpo molto duro per la nostra già malconcia economia. Forza Italia dovrebbe farsi paladina di libertà e schierarsi convintamente contro questa proposta del ministro Di Maio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin