Forza Italia Viva, l'azzardo di Micciché con Matteo Renzi :ilSicilia.it

il fatto

Forza Italia Viva, l’azzardo di Micciché con Matteo Renzi

di
18 Ottobre 2021

Una cena ‘fiorentina’ alla quale hanno partecipato Gianfranco Micciché e Matteo Renzi, un incontro, del quale parla oggi il quotidiano La Sicilia, per costruire le fondamenta di un nuovo contenitore moderato, già ribattezzato ‘Forza Italia Viva’. Secondo i bene informati, il primo avrebbe prenotato e il secondo si sarebbe accollato il conto.

L’unione nascerebbe un po’ ‘ibrida’ all’Ars, con un intergruppo che accoglierebbe i 13 deputati regionali azzurri e i tre rimasti di Italia Viva, portando a 16 il totale, per poi strutturarsi alle elezioni. L’obiettivo immediato sarebbero le amministrative, con un patto di ferro che porterebbe alla costituzione di tre liste riconducibili a vario titolo alla nuova alleanza, che diventerebbe più concreta alle regionali, dove si passerebbe alla costituzione di liste comuni.

Gianfranco Micciché, certo non l’ultimo degli arrivati, avrà fatto i sui calcoli, anche se l’abbraccio con Italia Viva potrebbe far storcere il naso a molti all’interno della maggioranza che oggi sostiene il governo Musumeci, con il governatore che ha già annunciato la propria ricandidatura (anche se non sono mancate le stilettate del coordinatore regionale azzurro).

IV, ad oggi, è all’opposizione all’Ars. A Palermo, poi, durante tutta la consiliatura, ha appoggiato il sindaco Leoluca Orlando, abbandonando la maggioranza solo qualche mese fa. Una condotta, quella dei renziani, molto diversa da quella di Forza Italia, che è sempre stata con Musumeci alla Regione e (politicamente) contro Orlando a Palazzo delle Aquile.

Insomma, se il conto della cena lo ha pagato Renzi, nei palazzi e alle urne potrebbe essere Forza Italia a rimetterci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.