"Forza Lega": Sicilia cantiere politico con Minardo uomo chiave? L'INTERVISTA :ilSicilia.it

l'intervista al nuovo deputato di Matteo Salvini

“Forza Lega”: Sicilia cantiere politico con Minardo uomo chiave? L’INTERVISTA

di
19 Novembre 2019

Nino Minardo, deputato nazionale di Forza Italia, tra qualche giorno ufficializzerà il suo passaggio alla corte di Matteo Salvini. Un cambio di rotta di cui si parla da un po’ ma che non ha scaturito dissensi o parole al vetriolo da parte dei suoi quasi ex colleghi di partito: anzi pare proprio che il transito al Carroccio dell’imprenditore modicano possa costituire la definitiva pietra tombale sugli attriti e le polemiche che si erano susseguite in questi mesi tra Forza Italia e Lega in Sicilia.

Scopo non nascosto dell’operazione: avviare anche in Sicilia quell’allineamento politico in grado di unificare tutto il centrodestra e presentarsi compatto ai prossimi appuntamenti elettorali. Saldatura che da tempo il leader azzurro Silvio Berlusconi cercava di ottenere, adesso recepita e confermata domenica dal presidente Ars Gianfranco Miccichè con il suo intervento al meeting del partito a Viagrande. Sepolta, dunque, l’ascia di guerra fra le due forze politiche si volta pagina anche nell’Isola.

Ma a detta di Minardo non è stato fatto nulla di eccezionale o di incredibile. Anzi. Da uomo del centrodestra, da molti anni ha una propria visione politica realistica sullo stato delle ‘cose’: “Ho notato una assenza di prospettiva per Forza Italia a livello nazionale… è fisiologico che chi come me fa politica e vuole continuare a farlo non possa non guardare con interesse ad un fenomeno come quello di Matteo Salvini e della Lega”.

On.le Minardo, lei oramai è un uomo della Lega qui in Sicilia?

Non c’è ancora nulla di ufficiale. C’è un dialogo che va avanti da tempo. Un ragionamento finalizzato ad alcune tematiche che riguardano il nostro territorio.

Ma molti giornali danno per scontato la notizia…

A giorni faremo gli ultimi incontri e poi ufficializzeremo…

Come mai questo cambio di rotta politico?

Nel ragionamento politico per il rilancio del centrodestra, la Lega oggi è il perno della coalizione. E’ fisiologico che chi come me fa politica e vuole continuare a farlo guardi a Matteo Salvini e alla lega.

Lei parlava “di tematiche per il nostro territorio” ne può evidenziare qualcuna?

Le prime due che mi vengono in mente sono: I fondi strutturali. La Sicilia è da tempo penalizzata. Nell’Isola quei pochi soldi che riusciamo ad ottenere, purtroppo non si riescono a spendere perché mancano progetti cantierabili. Ad oggi, anche se non risolutivo, gli unici 20 milioni che stono stati stanziati in Sicilia nel 2016, sulla ‘continuità territoriale’, portano la mia firma attraverso un emendamento. Il secondo è l’autonomia differenziata, tema tanto caro alla Lega. Qui in Sicilia l’autonomia andrebbe rivista e migliorata affinché possa diventare una vera opportunità. Questi due, come tanti altri, devono essere i temi da discutere sia con la Lega che con tutta la coalizione del centrodestra.

Ma cosa non andava più in Forza Italia al punto che si è convinto a cambiare partito?

Sono profondamente deluso della politica nazionale di Forza Italia. E’ un partito che non si caratterizza per nulla. Non ha una identità. Io noto un’assenza di prospettiva. Ciò è successo probabilmente per colpa di tutti coloro che ne hanno fatto parte, non esiste un colpevole singolo. Vorrei evidenziare però che sul piano personale mantengo un ottimo rapporto con tutti.

Lei vede questa fotografia politica del partito anche qui in Sicilia?

Sul piano regionale, Forza Italia ha percentuali decisamente più alte rispetto a tutto il Paese e di questo ovviamente se ne deve dare atto a chi guida il partito in Sicilia, ossia a Gianfranco Miccichè.

Quindi nessun ammonimento nei confronti del presidente dell’Ars?

I miei rapporti con Miccichè sono ottimi. Certo, il presidente non ha fatto i salti di gioia quando ho comunicato il mio abbandono del partito, ma ha capito da persona intelligente e alla fine si sono anche create le condizioni per riavviare un dialogo armonioso tra Forza Italia e Lega.

Non si è mai sentito che chi abbandona un partito per un altro lo faccia per favorire il dialogo fra questi. Che intende?

Ritengo normale che un rappresentante delle istituzioni del centrodestra lavori per unire e non per dividere. Non ho fatto nulla di particolare. Faccio politica da anni nel centrodestra e considerato il fatto che negli ultimi mesi non ci sono stati rapporti idilliaci tra Lega e Forza Italia, ho solo pensato di smussare gli angoli per favorire la nascita anche qui di un centrodestra unito. Poi, chi vivrà vedrà.

Qual è il suo riferimento politico nella Lega? Con chi dialoga costantemente?

Il mio riferimento qui in Sicilia è il commissario regionale Stefano Candiani. Devo dire che il suo lavoro lo fa benissimo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.