"Forza Nuova orgoglio nazionale", Fiore arringa i suoi a Palermo [Video] | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il comizio del segretario forzanovista

“Forza Nuova orgoglio nazionale”, Fiore arringa i suoi a Palermo [Video]

di
25 Febbraio 2018

 

“E’ uno scandalo, uno scandalo. Noi abbiamo il filmato di ciò che è avvenuto, tutti gli italiani hanno visto ciò che è accaduto. Vedere le due persone coinvolte oggi uscire dal carcere dopo due giorni fa ridere. Oggi come 40 anni fa la magistratura è deviata”.

Lo ha detto Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, al suo arrivo in piazza Crispi a Palermo a proposito della scarcerazione dei due estremisti di sinistra dei centri sociali, Carlo Mancuso e Gianmarco Codraro, accusati di tentato omicidio per il pestaggio di Massimo Ursino, segretario provinciale di Forza Nuova.

Il segretario nazionale di F orza Nuova poi si è recato insieme a Ursino, al segretario regionale Giuseppe Provenzale e agli altri dirigenti del movimento di destra radicale e della Fiamma Tricolore in un albergo poco distante, dove ha esposto le linee del programma elettorale della propria lista.

Al grido “Massimo Ursino orgoglio nazionale“‘ i militanti di Forza nuova hanno accolto il loro segretario provinciale aggredito martedì a Palermo. Nell’hotel non sono stati fatti entrare i giornalisti di Repubblica e Ismaele La Vardera de Le Iene.

 “Noi non rinneghiamo gli aspetti buoni del fascismo – ha detto Roberto Fiore – siamo oggetto di attacchi perché stiamo facendo la rivoluzione – ha aggiunto – stanno venendo con noi anche persone di sinistra”.   

GUARDA IN VIDEO IN ALTO CON L’INTERVENTO DI ROBERTO FIORE

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin