Foschi:"Felice avere tolto Palermo agli inglesi. Grazie Damir"(VIDEO integrale) | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Mi auguro che fra un mese ci sia nuova società ... intanto niente penalizzazioni ...

Foschi:”Felice avere tolto Palermo agli inglesi. Grazie Damir”(VIDEO integrale)

19 Febbraio 2019

Palermo. L’accorata conferenza stampa integrale di Rino Foschi al Tenente Onorato

“Da dove cominciamo? Cominciamo da quando  il nostro ex Presidente Zamparini ha ceduto il Palermo a questo gruppo inglese che ha fatto per due mesi solo danni. Sono stato licenziato e poi riassunto. So io quello che ho subito, mi hanno spersonalizzato nel mio lavoro, nel mio mercato, mi hanno bloccato giocatori importanti che avevo anche chiuso come un giocatore austriaco. Io non ci ho mai creduto in loro ed ho fatto tutto quello che potevo fare.

Dopo la partita di Perugia sono riuscito a riprendere il Palermo e sapete l’ultima degli inglesi? mi hanno mandato delle note di spese e di rimborsi, pari a un milione di euro. Il solo Holdsworth ha mandato 140 mila euro di spese. ”

Foschi si dice soddisfatto di avere evitato la penalizzazione grazie all’accordo con la Damir che dopo una articolata trattativa è stata chiusa, con un buon accordo per entrambi, che ha consentito il pagamento degli stipendi ed evitato una possibile penalizzazione in un campionato che deve portare il Palermo nuovamente in serie A

Foschi ha tenuto a sottolineare che l’accordo è stato frutto a parte l’aspetto commerciale anche dalla passione verso la maglia rosanero della famiglia Mirri e che spera possa essere da esempio per altri imprenditori per sposare la causa del Palermo.

L’augurio adesso è che entro un mese possa esserci una nuova società che così gestirà come è normale la società per realizzare anche gli importantio obiettivi di uno stadio nuovo e di un suo centro sportivo.

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.