Foss, ancora polemiche sulla revoca di Ester Bonafede. Silenzio da Musumeci :ilSicilia.it

L'incarico le era stato affidato i primi di giugno

Foss, ancora polemiche sulla revoca di Ester Bonafede. Silenzio da Musumeci

di
18 Giugno 2019

La revoca lampo alla sovrintendenza della Foss lascia l’amaro in bocca alla protagonista della defenestrazione, Ester Bonafede. L’archittetto in quota Udc, dopo essere stata incaricata i primi di giugno, proprio ieri (17 giugno ndr) a seguito di un lungo consiglio del cda, è stata revocata e la sua nomina annullata ufficialmente per “conflitti di interesse” nei confronti della Fondazione. A seguito della riunione, il presidente della Foss, l’avvocato Santoro,  ha spiegato che Ester Bonafede non aveva presentato l’attestazione della sospensione dei procedimenti pendenti sul conflitto d’interessi, avendo un contenzioso aperto con la stessa Fondazione. Ma il Cda, a quanto pare, non ha tenuto conto di una mail inviata dalla stessa Bonafede nei giorni scorsi, con la quale comunicava la disponibilità a rinunciare al contenzioso: “Non bastava a far cessare gli effetti giuridici del procedimento”. Ha dichiarato alla stampa Santoro.

A votare a favore della revoca sono stati il presidente Stefano Santoro, che l’ha proposta, i consiglieri Giulio Pirrotta e Sonia Giacalone. E’ uscito al momento del voto, invece, il consigliere Marco Intravaia,  che prima era stato nominato vice presidente.

IL DELFINO DEL GOVERNATORE

Il fedelissimo di Nello Musumeci è capo della segreteria particolare del Presidente della Regione Siciliana. Intravaia riveste anche diverse cariche istituzionali, tra le quali è presidente del consiglio comunale di Monreale.

Per l’ormai ex sovrintendente della Foss “non esisteva alcun conflitto di interesse”, in quanto attraverso i suoi legali, stando alle sue stesse parole, aveva “presentato tutte i documenti e le certificazioni per essere alla guida della Fondazione dell’Orchestra Sinfonica Siciliana”.

IL DOCUMENTO DI ESTER BONAFEDE

Il 10 giugno 2019, Ester Bonafede ha inoltrato al direttore ed al presidente della Foss, ma anche all’assessore Regionale al Turismo, una nota dove spiega in modo dettagliato, le sue ragioni per cui la nomina è legittima. Si legge sul documento che “preme innanzitutto rilevare, come in precedenza esposto, la nullità della condizione apposta autonomamente dalla predetta Direzione alla definizione del procedimento di nomina, tenuto conto che, invece, la delibera consiliare di nomina del Sovrintendente si propone di eliminare eventuali ‘conflitti di interessi’ con la Fondazione (ipotesi questa comunque non riconducibile ad alcuna previsione normativa e incongruamente configurata per la prima volta in questa evenienza, in quanto non consta che in fase costitutiva di analoghi rapporti sia stato in passato richiesto analogo adempimento ‘unilaterale’, contrastante con la garanzia costituzionale di incondizionata tutela di diritti e interessi individuali). Ciò posto, intendo precisare che, dal testo della delibera di nomina, la condizione apposta per la concreta esecutività della deliberazione del Cda, traspare chiaramente che l’atto richiede esclusivamente espresse manifestazioni di volontà delle parti, tese a smentire il persistere dei ben noti – soprattutto al Consiglio – contrasti giudiziali pendenti” .

Ma la documentazione per Santoro, a quanto pare, non è bastata a far cessare la presunta incompatibilità della Bonafede con la Foss. Nel documento presentato si legge anche che: “Sebbene quindi è confermata l’illiceità della condizione, perchè meramente potestativa, in quanto l’unico giudizio pendente è stato originato dalla notifica di decreto ingiuntivo per legittime richieste economiche a saldo di pregressi compensi, regolarmente fatturati a norma dell’Art.21 del D.P.R. n. 633/72, e non corrisposti dalla Fondazione nonostante riconosciuti dalla sua  documentazione contabile”.

Intanto, proseguono le polemiche dopo la decisione del cda. Le dichiarazioni al vetriolo da parte di Miccichè in merito al polverone che ha investito la Foss e alcuni comunicati stampa provenienti dalle aree vicino al governo Musumeci hanno accesso un dibattito politico sulla poltrona di un sottogoverno che a quanto pare ‘fa gola a molti’.

Quale sarà la soluzione del Presidente della Regione, Nello Musumeci? Al momento non è entrato nel merito della vicenda e mantiene il silenzio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin