Foss, i sindacati: "Dirigenza incauta ci ha esposto a gogna mediatica" :ilSicilia.it
Palermo

la nota

Foss, i sindacati: “Dirigenza incauta ci ha esposto a gogna mediatica”

di
25 Ottobre 2019

Le organizzazioni sindacali (SLC CGIL, FISTEL CIS,L UILCOM, UIL FIALS) tornano sul caso della Foss di Palermo. Per giorni, l’estate scorsa, le cronache dei giornali hanno dato ampio respiro al teatro Politeama e alla revoca lampo della nomina di Ester Bonafede, eletta i primi di giugno alla guida della Fondazione.

A condire il tutto, una documentazione dell’ex commissario della stessa Foss, Giovanni Riggio, che ha agitato un polverone sulla vecchia gestione targata Giorgio Pace. Il gossip politico che ha suscitato il cambio di rotta del presidente Stefano Santoro rispetto alla ormai ex sovrintendente Bonafede, unito alle polemiche che hanno infuocato l’Orchestra sinfonica, rappresentano fattori che hanno alzato un velo anche su quanto sarebbe avvenuto negli anni passati.

Nel frattempo, l’Orchestra sinfonica siciliana ha un nuovo sovrintendente: è Antonino Marcellino, 57 anni, docente di musicologia all’università Tor Vergata di Roma. Lo ha nominato il cda della Foss. Al momento della votazione ha lasciato la seduta un componente, Marco Intravaia, che è anche segretario del presidente della Regione, Nello Musumeci. Intravaia aveva chiesto a Santoro di non deliberare la nomina del nuovo sovrintendente per arrivare a un commissariamento dell’ente. Santoro ha invece messo in votazione la delibera.

Nel corso di questi mesi, abbiamo segnalato una serie di criticità che riguardano la gestione del teatro Politeama e altri aspetti organizzativi del lavoro dell’orchestra e del comparto amministrativo, criticità rimaste per lo più non risolte – affermano i sindacati -.Di certo, l’aspetto più preoccupante, al di là delle singole e peculiari questioni, è l’empasse gestionale causato dai contrasti interni alla dirigenza, usciti alla ribalta della cronaca”.

Una dirigenza che incautamente ci ha esposto anche, di nuovo, alla gogna mediatica danneggiando l’immagine della Fondazione tutta. Dall’insediamento della nuova governance abbiamo chiesto di conoscere lo” stato di salute” finanziario della Fondazione, a fronte del cambio di gestione considerando che trattasi di risorse pubbliche da gestire in un contesto di estrema trasparenza; abbiamo chiesto in osservanza alle previsioni di legge e contrattuali un confronto su attività date in appalto, incarichi professionali e un confronto sull’organico funzionale del Teatro, con la definizione di un nuovo integrativo aziendale in grado di governare il progetto culturale di una delle più importanti “Orchestre” italiane”.

Le organizzazioni sindacali vogliono vederci chiaro sulla Fondazione e pertanto chiedono esplicitamente “ai soci di questa Fondazione, la Regione Sicilia, L’assessorato al Turismo ed il Comune di Palermo di richiamare I propri rappresentanti ad una assunzione di responsabilità che ponga fine a questa querelle e in modo da convergere in una comunione di intenti che abbia come fine una migliore produzione, un miglior prodotto da offrire ai siciliani e al nostro pubblico”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin