Fotografare i gatti, sette trucchi e un consiglio: "Abbiate pazienza" :ilSicilia.it

Disattivare il flash e altri suggerimento per rubargli le pose

Fotografare i gatti, sette trucchi e un consiglio: “Abbiate pazienza”

di
14 Settembre 2021

Sguardi morbidi oppure di sfida, pose atletiche o scomposte (ma sempre plastiche), le espressioni e le mosse dei gatti ci intrigano sempre perchè sono animali speciali anche sotto questo punto di vista. E quando si mettono in un modo buffo o ci guardano, è il caso di dire, sornioni istintivamente vogliamo fotografarli.

Amati dal popolo di #catlover, odiati da altri per il loro carattere un po’ indisponente, i gatti sono anche star dei social media. Alcuni mici-influencer superano agilmente il milione di follower, raccogliendo like e commenti da tutto il mondo. Due influencer italiane. Giorgia Di Basilio (@giorgiadibasilio su Instagram) e Valentina Salviati (@valentina_salviati su Instagram) sono due “cat addicted” vere, innamorate dei loro gatti Misia, Figaro e Gigia che per Wiko hanno redatto un vademecum per fotografare con lo smartphone i gatti. Il punto di partenza è sicuramente uno: occorre avere molta pazienza. Il gatto difficilmente si presta a fare quello che noi vogliamo, men che meno a farlo davanti all’obiettivo di un telefonino. Siamo noi a doverlo assecondare se vogliamo realizzare degli scatti originali e pronti per essere condivisi.

Come riuscire quindi in questo difficile obiettivo?

Un primo trucco è sfruttare i momenti del riposino per far delle foto che mettano in risalto eventuali dettagli del suo manto, oppure sbizzarrirsi nel cogliere le pose più buffe o tenere assunte durante il sonno.

Se si vuole fare un bel primo piano, assicurandosi che il gatto guardi in direzione dell’obiettivo dello smartphone, “si può attirare la sua attenzione – consiglia Valentina Salviati – con qualche rumore, come ad esempio schioccando le dita”. I gatti si sa, sono curiosissimi: volgeranno lo sguardo verso quel rumore e sarà possibile cogliere tutto il magnetismo dei loro occhi. Meglio però non avvicinarsi troppo, ma utilizzare lo zoom dello smartphone per evitare che in un nano secondo il micio si volti e scappi via.

Che si utilizzi uno smartphone o una macchina fotografica, è fondamentale disattivare il flash. Quel tipo di luce abbagliante dà estremamente fastidio ai gatti, ricorda Giorgia Di Basilio. “È opportuno prediligere un angolo della casa in cui il gatto si senta a suo agio, sotto la luce naturale, per non compromettere la riuscita dello shooting”.

Il gatto, piaccia o meno, è un animale elegante e bellissimo. Affinché il suo manto e i suoi occhi risaltino su uno sfondo, bisogna trovare degli elementi di contrasto. Giorgia Di Basilio consiglia di accostare nelle foto qualche elemento di “rottura cromatica” come un pouf o una tenda con tonalità e colori completamente diversi rispetto a quelli del gatto per avere delle foto d’impatto.

Come ribadito, fotografare un gatto non è cosa semplice. Ancora più complesso è riuscire a immortalare un micio insieme al suo padrone. “Non tutti i gatti, infatti, amano stare in braccio”. Valentina Salviati suggerisce di abbonirli con  qualche coccola o giocandoci insieme. “Quando si fiderà di noi, si presterà più volentieri a farsi fare una foto insieme”.

E infine, ancora una volta è fondamentale rispettare la natura del gatto perché ogni animale ha il suo carattere e la sua indole. Non utilizziamo accessori come cappellini e fiocchetti pensando che sia un pupazzo, pronto a strapparci qualche like in più. Inoltre, non si dovrà mai forzare un gatto a mettersi nella posa che noi preferiamo. Sarà solo una grande perdita di tempo: il suo sguardo trasmetterà perfettamente quanto sia stato infastidito dall’essere stato obbligato.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin