Fotografia e arte contemporanea, a Palermo "R13 Solo show, Jean Baptiste Sansone" :ilSicilia.it
Palermo

L'inaugurazione sabato 22 settembre alle 19

Fotografia e arte contemporanea, a Palermo “R13 Solo show, Jean Baptiste Sansone”

18 Settembre 2018

SFOGLIA LE FOTO IN ALTO

Sabato 22 settembre alle ore 19.00, si inaugura presso la Galleria Giuseppe Veniero Project, in Piazza Borsa 22 a Palermo, “R13. Jean Baptiste Sansone”.

Solo Show, a cura di Francesco Piazza. R13 è la prima personale di Jean Baptiste Sansone, artista italo francese, in Sicilia ormai da qualche anno. Eclettico e visionario, egli indaga sui rapporti controversi tra gli esseri umani e l’influenza che questi rapporti hanno sull’ambiente circostante, in cui l’uomo è agente determinante “presente” seppur nella sua apparente assenza fisica.

Nelle immagini che Sansone presenta in questa mostra, infatti, l’individuo è dietro la scena, appena fuggito, (in)consapevole causa di un abbandono sistematico nei confronti del suo mondo. Nessuna speranza. Nessun sussulto gioioso. Solo la cronaca asciutta di un’incapacità patologica a salvarsi dal degrado e dalla tristezza.

Jean Baptiste Sansone, è un artista che si lascia imbibire di suggestioni senza pensare troppo alle conseguenze. Una libertà espressiva tanto rischiosa quanto eccitante. Per questo motivo ha cercato un simbolo, un elemento che rappresentasse, anche concettualmente, solidità e forza espressiva.

Ha così deciso di trasportare, dentro il luogo chiuso e bianco, che è la galleria, un enorme, rozzo, blocco di marmo. Scrive il curatore Francesco Piazza, nel testo che accompagna la mostra “Per l’artista la pietra, il marmo, rappresenta il centro gravitazionale attorno al quale ruota un’esistenza al limite della sopravvivenza. La durezza della materia, la sua spigolosità, i tagli e le rotture testimoniano il passaggio inesorabile del tempo e l’intervento dell’uomo. Come nel processo di estrazione dalla cava, è l’essere umano a interpretare il duplice ruolo di vittima e carnefice diventando esso stesso protagonista/simbolo dello strappo crudele, necessario a volte, dal contesto sociale in cui esso vive. L’iscrizione presente sulla pietra, R13 appunto da cui prende il nome tutto il progetto, è codice identificativo e simbolo tragico di un’appartenenza. È la fredda omologazione di qualcosa che per sua natura nega ogni possibilità di uniformità. Ogni pietra, ogni scheggia, ogni frammento è diverso dall’altro. Ogni particella racconta millenni di evoluzione anche umana. Ed è in questa profondità magmatica che Sansone si perde nel tentativo di trovare giustificazioni a quella sensazione di sperdimento che avverte, forte, nel rapporto tra uomo e società”.

La mostra si compone di 11 fotografie che raccontano la ricerca di Sansone. “Undici interpretazioni personali e inedite di un non-luogo immerso in un non-tempo” scrive ancora Piazza “enfatizzate dalla mancanza di profondità e prospettiva che ne accentua la inconsistenza materica e temporale. Jean Baptiste Sansone cerca e trova bellezza in ogni cosa, anche la più insignificante. Ha la capacità di infondere una serenità che contrasta con la sua continua voglia di interrogarsi sull’esistenza umana. Un esercizio catartico il suo. Innalzare verso il bello ciò che agli occhi di tutti rappresenta il confine invalicabile oltre il quale ogni cosa perde di aggettivazióne per neutralizzarsi e omologarsi nell’inesistente.”

La mostra sarà visitabile ogni giorno dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19, fino al 5 ottobre.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.