18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 06.56
Palermo

il 18 maggio alle 17

Fotografia, “Il Gattopardo 1959-2019”: a Villa Niscemi gli scatti di Nicola Scafidi | Fotogallery

16 Maggio 2019
Scena del ballo
Claudia Cardinale arriva in Aeroporto
Alain Delon durante le riprese
Gioacchino Tomasi Lanza e Luchino Visconti

Guarda la fotogallery in alto

Sabato 18 maggio alle 17 a Villa Niscemi, Palermoverrà inaugurata la mostra fotografica “Il Gattopardo 1959-2019” con gli scatti fotografici del noto fotografo palermitano Nicola Scafidi scomparso nel 2004 a cui è stata intitolata la galleria espositiva di Villa Niscemi, sede di rappresentanza del Comune di Palermo, nel 2015.

Nicola Scafidi

Il motivo per il quale è stato scelto questo argomento illustrativo nasce dal fatto che nel 1959 il romanzo del Gattopardo vinse il Premio Strega. Il racconto snobbato da molti editori venne pubblicato dopo la morte di Giuseppe Lanza Tomasi e la Feltrinelli fu l’unica casa editrice a credere nel progetto.

Ne deriva che in occasione del 60° anniversario di tale onorificenza, Angela la figlia di Nicola Scafidi, organizzatrice dell’evento con la docente Maria Pirrotta, ha selezionato circa 50 scatti per ricordare sia il romanzo da cui è stato preso spunto per il film girato per lo più a Palermo nel 1962,che per ricordare il lavoro svolto dal padre Nicola.

La galleria intitolata a Nicola Scafidi ospita numerose mostre annualmente e puntualmente ogni anno Angela Scafidi organizza una mostra fotografica dedica al padre affinché anche le nuove generazioni possano conoscere l’imponente lavoro svolto dal proprio padre nel raccontare oltre 50 anni di Sicilia dal punto di vista storico, culturale e sociale.

Le fotografie della mostra, stampate nel formato 40×50 e 70×100 , rigorosamente in bianco e nero narrano i sopralluoghi fatti da Visconti, gli arrivi degli attori protagonisti (Alein Delon, Burt Lancaster, Claudia Cardinale), le scene del film ( le riprese zona Kalsa, a Ciminna, il ballo a Palazzo Ganci), il backstage, il tempo libero degli attori, che andavano in giro per la Palermo e l’anteprima del film a Roma.

Il progetto espositivo è stato curato da Alessandra Benigno. La mostra patrocinata dal Comune di Palermo vede anche la partecipazione di alcuni Club Service della Città di Palermo ( Lions Club Palermo Host, Palermo Normanna, Palermo dei Vespri, Palermo Libertà, Inner Wheel Palermo Centro e Fidapa Palermo Felicissima) , la collaborazione del Liceo Artistico Statale Catalano di Palermo e l’Ente di Formazione Tecno Service. Main sponsor dell’evento la Banca Widiba nelle persone di Maurizio Nicosia e Ninni Catalanotto.

La mostra sarà visitabile fino al 30 maggio (domenica pomeriggio escluso), dalle 9 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.